oxi 2

La responsabilità di votare No

Il progetto delle istituzioni europee è evidente: isolare, demoralizzare e castigare il popolo greco per farla finita con la resistenza al dominio liberista. Così i media e l'oligarchia hanno orchestrato la grande campagna della paura

L’umanità è in pericolo

Cinquecento multinazionali detengono il 58 per cento della ricchezza mondiale. Il loro dominio comincia dal cibo e dai veleni agricoli, come dimostra Expo. Contro la loro sete di profitto nei prossimi anni ci saranno ribellioni ovunque

8989

In classe a modo mio

"Dichiaro la mia indisponibilità. Io non attuerò mai questa controriforma della scuola. Non sarò strumento di leggi inique per società ingiuste ed escludenti. Resterò in classe a modo mio. L'insegnamento è libertà"

News dalla città dei beni comuni

lab

Insegnare a vivere. Ribaltare l’educazione

Educare è sempre educarsi insieme. Il nuovo libro di Morin
tra

Così salviamo il territorio

De-classificare aree edificabili: il caso di Traversetolo
precari

Ci vogliono le riforme. Il regime liberista

Il nuovo mantra, dall'Fmi al governo Renzi, in tempi di austerity
11061675_919223788115008_400006029647902907_n

Un paio di cose a proposito di rifugiati

Un'assessora della Lega Nord ha chiesto lo status di profuga ....
0099

Il Cantico che non c’era

Una lettura critica ambientalista e libertaria della nuova enciclica
lead_960

I numeri della vergogna europea

Alle banche 2.400 miliardi di euro. Alla Grecia 15

E se la Grecia illuminasse l’Europa?

Un grande laboratorio a cielo aperto per ripensare la società
tr

Parentele metropolitane

I tram di notte parlano lingue straniere e, al tempo stesso, familiari
11182198_967291386614621_6171835568517603315_n

Lettera ai non insegnanti

Se qualcuno pensasse che la Buona scuola tutto sommato....
image002

I sogni oltre le macerie

Al via la campagna di sostegno della ricostruzione di Scup

Colpo di Stato in Grecia

La finanza globale sta riducendo alla fame milioni di greci
sRtr1dwHkA=--

Torniamo sul pianeta terra

Massimiliano Smeriglio: Renzi rottama Roma per puro calcolo politico

Dossier

Apprendere facendo

pa Abbiamo bisogno di ragionare sul senso ultimo della scuola. Servono domande difficili, pensiero critico, creatività, spazi dove mettere in comune ogni giorno sguardi diversi sul mondo. Si tratta di diffondere le occasioni dell'apprendimento nel rapporto con gli altri, la città, il tempo, creare quelle che Ivan Illich chiama “trame dell'apprendimento”
Leggi il dossier

Facciamo il pane insieme

pane Autoprodurre, mangiare, fare insieme sono parte di quel recupero di iniziativa per la trasformazione della società che non si traduce più in richieste al mercato o allo Stato. Non sono solo i tre temi di un nuovo dossier, ma i contenuti di un vero laboratorio di idee, incontri e pratiche promosso da Comune
Leggi il dossier

Reinventare la vita dal lavoro

Movimiento_Nacional_de_Fabricas_Recuperadas_11 Le fabbriche recuperate sono ovunque una breccia nel muro del capitalismo, in grado di mettere in discussione la relazione tra «padroni» e «lavoratori». E di provocare un corto circuito intorno all'idea tradizionale di lavoro. articoli, documenti, bibliografie, video
Leggi il dossier

Il grido di Gaza

pales A muovere la ferocia “difensiva” di Tel Aviv è ancora il possesso della terra. L'assoluta rimozione della memoria, insieme alla necessità che il mondo non consideri umani i Palestinesi, è la chiave strategica di uno Stato “ebraico” che nega il 20 per cento dei suoi cittadini arabi. La stupefacente resistenza dei Palestinesi non è certo affidata ai razzi
Leggi il dossier

Territori diversi

as A vent'anni dalla nascita dei Gruppi di acquisto solidale, Collecchio (Parma), dal 20 al 22 giugno 2014, ospita l’incontro annuale dei Gas e della Rete di economia solidale: tavole rotonde, gruppi di lavoro, assemblea. Un appuntamento che nasce dai territori. Di seguito, saggi e articoli: il buen vivir si fa insieme
Leggi il dossier

Bom dia, Brasil

copia-de-dscn5551 Tutto sembrava filare col vento in poppa. Il governo progressista vantava i suoi successi: una potenza continentale e planetaria e 40 milioni di persone fuori dalla povertà. Il Mundial e le Olimpiadi alle porte. E invece la gente comune è scesa in strada indignata
Leggi il dossier