Chi siamo

Chi siamo? Non lo sappiamo bene, siamo in movimento. Comune  abita lo spazio web (anche con facebook e twitter) e ama stare in mezzo alle persone (comuni), soprattutto a quelle che resistono nella vita di ogni giorno e si ostinano a ribellarsi facendo. Adesso e ovunque si trovino. Quello che vedete in queste pagine è prima di tutto un tentativo di rispondere al bisogno di cambiare la direzione del nostro sguardo, un sito che cerca di raccontare, accompagnare e moltiplicare i cambiamenti sociali profondi, spesso poco visibili. Ci interessano le trasformazioni e i movimenti che mettono in discussione il profitto e la mercificazione delle relazioni ma soprattutto il muoversi che sperimenta, tra limiti e contraddizioni, relazioni diverse da quelle di tipo capitalista. Le relazioni di chi mette (e si mette) in comune.

Fanno Comune ogni giorno: Gianluca Carmosino, Riccardo Troisi, Marco Calabria, Daniela Cavallo. Nel 2012 hanno aiutato ad appendere un cartello sul web con sopra scritto Comune Alberto Castagnola, Monica Di Sisto e Alberto Zoratti.

Si prendono cura di Comune
Adriana Goni Mazzitelli, Alberto Castagnola, Aldo Zanchetta, Alessandra Algostino, Alessandra Magliaro, Alessandro Bagnulo, Alessandro Di Ciommo, Alessandro Ghebreigziabiher, Alessandro Pertosa, Alessio Di Florio, Alex Corlazzoli, Alex Zanotelli, Amador Fernández-Savater, Andrea Baranes, Andrea Bizzocchi, Andrea Saroldi, Angela Maltoni, Anna Bruno, Anna Foggia Gallucci, Annalisa Mugheddu, Annarita Sacco, Antonio Castronovi, Ascanio Celestini, Barbara Pulliero, Caterina Amicucci, Carlo Cellamare, Carlo Ridolfi, Carlos Taibo, Chris Carlsson, Cinzia Cimini, Claudia Clemente, Daniela Degan, Daniele Barbieri, Delia Modonesi, Dimitris Argiropoulos, Domenico Finiguerra, Donatella Donati, Elena Giuliani,  Eliana Caramelli, Elisabetta Cangelosi, Emilia De Rienzo, Enrico Euli, Enzo Scandurra, Federica Buglioni, Felynx Zingarelli, Francesco Biagi, Francesco Gesualdi, Franco Berardi Bifo, Franco Lorenzoni, Francesco Martone, Fulvio Vassallo, Gabriele Mandolesi, Gabriella D’Amico, Giampiero Monaca, Giorgio Nebbia, Giovanna Mulas, Giulio Marcon, Grazia Naletto, Guido Viale, Gustavo Duch, Gustavo Esteva, Ilaria De Bonis, Laura Fano, Lea Melandri, Luca Cirese, Luca Manes, Luciana Bertinato, Luciana De Michele, Lucilio Santoni, Marco Arturi, Marco Bersani, Marco Boschini, Marco Geronimi Stoll, Marco Trotta, Maria De Biase, Maria Rita D’Orsogna, Maria G. Di Rienzo, Marino Ficco, Marzia Coronati, Massimo Angrisano, Massimo De Angelis, Matteo Micalella, Matteo Saudino, Mauro Armanino, Michela Giovannini, Michael Zezima, Miguel Martinez, Mimmo Cortese, Monica Guerra, Nilde Guiducci, Oscar Olivera, Paolo Cacciari, Paolo Carsetti, Paolo Limonta, Paolo Mottana, Paolo Piacentini, Patrizia Cecconi, Patrizia Mancini, Patrizia Sentinelli, Piero Bevilacqua, Pina Marchese de Girolamo, Raúl Zibechi, Renata Puleo, Rosaria Gasparro, Rotafixa, Saverio Tommasi, Serge Latouche, Silvia Ribeiro, Simona Sinatra, Theodoros Karyotis, Ugo Carlone, Valentina Guastini, Valerio Gatto Bonanni, Vanessa Scarpa, Virginia Benvenuti

.Qui, un elenco di LINK AMICI.

ABBRACCI, ASTEROIDI E RIVOLUZIONI Facciamo comune-info da poco più di nove mesi. Dicono, quelli che sanno guardare alla profondità della vita, che il primo gesto di chi viene al mondo sia quello di agitare le mani per cercare qualcuno, per essere abbracciati. Ecco, ci pare sia arrivato il momento di cominciare una nuova avventura e abbiamo bisogno di sapere se intorno a noi ci sono persone disposte ad abbracciarci. O, ancor meglio, a intraprendere insieme un viaggio entusiasmante quanto impegnativo e privo di certezze……

.
Gli articoli di questo sito

Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in Creative commons: dunque copiate e incollate come meglio credete. Se citate la fonte ci fa piacere (e magari inviateci un post o una mail con il link).

Ogni articolo pubblicato consente la possibilità di lasciare un commento, nella speranza che questo strumento sia utilizzato come mezzo per approfondire dibattiti. Nel caso di interventi non firmati o inviati da persone che si divertono a scrivere per provocare (nascondendosi dietro falsi nomi), oppure di commenti offensivi, razzisti e di orientamento fascista, ma anche nel caso di opinioni evidentemente non proficue al dibattito, i responsabili del sito si riservano la possibilità di non rendere visibile il commento. In fondo il web è così grande…

 

Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Alcune foto pubblicate su Comune-info sono prelevate da internet. Chi fosse titolare dei diritti delle foto e preferisce che siano cancellate, non deve fare altro che scrivere a info@comune-info.net, provvederemo immediatamente. Grazie per la comprensione

 

41 Risposte a “Chi siamo”

  1. 30 marzo 2012 at 15:48 #

    ..grande iniziativa! Spero di poter contribuire alla crescita di questo sito…
    per adesso un grande in bocca al lupo!

    • gianluca
      30 marzo 2012 at 22:50 #

      Grazie Pietro, siamo davvero un cantiere aperto. A presto

  2. Emmanuele Gallo
    3 aprile 2012 at 11:02 #

    Bellissimo sito. Ben fatto. Buon lavoro a tutti.

  3. paola
    11 aprile 2012 at 20:08 #

    siete davvero intelligentemente divertenti e civilmente costruttivi!

    Una boccata di aria pura…

    • gianluca
      11 aprile 2012 at 23:55 #

      Ottima idea Paola, il prossimo giornale che ci inventiamo lo chiamiamo Boccata di aria pura.
      In realtà il nostro sogno è essere ogni giorno un trickster. Sai cos’è un trickster? Scrive Maria Di Rienzo in «Voci dalla Rete. Come le donne stanno cambiando il mondo, Ed. Forum, 2011»: La traduzione italiana è «imbroglione», ma la connotazione negativa del termine nella nostra lingua non rende davvero l’idea. Potremmo avvicinarci a una comprensione migliore definendolo un personaggio che modifica la realtà, o più esattamente modifica la percezione della realtà nelle persone che entrano in contatto con lui o lei. Praticamente ogni società umana ha una leggenda o una fiaba su questo personaggio, che può essere una dea o un dio (Brigit, Loki, Eshu, Hermes), un mortale (Sherazade e i vari «buffoni» di corte o di villaggio) e persino un animale: le mitologie abbondano di volpi, coyote, corvi e topi che fanno cose davvero strane. Il trickster è un muta-forma, cambia apparenza, racconta storie per prendere tempo o per confondere i suoi oppositori, usa l’umorismo e gli indovinelli, fa giochi di abilità per distrarre, si finge stupido o inconsapevole, mantiene un’impassibile faccia tosta nel bel mezzo del caos. Spesso questa figura è riverita come sacra nelle varie culture, perché il nobile trickster sfida i limiti ed i confini per un motivo preciso: il suo scopo è aiutare le persone a comprendere verità importanti, che senza il suo intervento esse non vedrebbero o non sarebbero capaci di accettare. Le difensore dei diritti umani delle donne sono le trickster più intelligenti della nostra epoca. Le loro tecniche incorporano la danza, il canto, le risate, i fiori, l’arte, la cultura, parole e silenzi, svelamenti e travestimenti…. ».

  4. GIORGIO
    11 aprile 2012 at 21:31 #

    UN CALOROSO SALUTO A VOI TUTTI IN PARTICOLARE AD ALBERTO E DANIELA CHE HO CONOSCIUTO A VENEZIA TRAMITE SPIAZZI VERDI. MI AUGURO PER IL FUTURO OCCASIONI DI DIALOGO E CONFRONTO, LE IDEE SE RESATANO CHIUSE MUOIOINO, SE CIRCOLANO CAMBIANO IL MONDO. A PRESTO. GIORGIO

    • gianluca
      11 aprile 2012 at 23:56 #

      Bhè allora facciamole circolare…

  5. Federica
    12 aprile 2012 at 13:38 #

    Una bella scoperta ! Complimenti, l’articolo sul libro di Latouche è davvero interessante !

  6. gianluca
    12 aprile 2012 at 23:25 #

    Allora Federica continua a seguirci: i temi della decrescita sono pane per i nostri denti e Serge Latouche è un nostro prezioso e affezionato compagno di strada. Di certo, abbiamo tutti bisogno di nuovi punti di vista critici. Scrive Latouche in “Roma acqua e sapone” (a cura di Annarita Sacco, edizioni Intra moenia): «Ovunque gli obiettori della crescita oppongono al terrorismo della cosmocrazia e dell’oligarchia politica ed economica dei mezzi pacifici: nonviolenza, disobbedienza civile, boicottaggio e, naturalmente, le armi della critica».

  7. Tamara
    29 maggio 2012 at 21:52 #

    bella iniziativa…io sono una foodblogger e potrei contribuire mettendo qualche ricetta, ogni tanto, per dare qualche idea in più a chi deve cucinare, a disposizione…. ciao a tutti

    • Antonia
      5 febbraio 2013 at 19:27 #

      Tamara, anche io creo in cucina da quello che ho a disposizione, tutti ingredienti naturali o buio, se vuoi,
      Come vedo il tuo blog?
      Ciao Tonia

  8. Massimo M. Greco
    6 agosto 2012 at 08:19 #

    Sono venuto a conoscenza del sito solo oggi. Molto bello!

  9. 20 settembre 2012 at 15:56 #

    Speriamo in una proficua collaborazione

  10. 4 ottobre 2012 at 12:26 #

    Davvero un bel sito interessante il vostro…
    noi siamo nel Parco Nazionale del Pollino, se possiamo esservi di aiuto fateci sapere

  11. Manilla
    19 ottobre 2012 at 19:47 #

    Ho letto ,per la prima volta, il vostro sito: e’ decisamente interessante
    Per il momento sono sta colpita dal caso della signora che abita al Tiburtino ( non e’ mai sta all’iPad ufficio Postale ) Io faccio l’ Amministratore di Sostegno per il Comune di Roma
    Se mi mettete in contatto posso dare delle indicazioni per aiutare questa persona
    Grazie
    Manilla

  12. marialuisa
    20 novembre 2012 at 19:21 #

    Bravi , bravissimi,
    a proposito della circolazione di idee, a roma ci sono 18 banche del tempo che danno l’opportunità alle persone di aiutarsi scambiandosi tempo e conoscenza.
    Come coordinamento delle banche del tempo di roma facciamo laboratori di formazioni per tutti coloro che intendono aprire banche e il 26 di novembre ne inizierà uno .
    mi piace molto l’idea di entrare in rete e collaborare con voi, in che modo?
    Complimenti per il vostro sito
    Marialuisa

  13. danilo bruno
    27 dicembre 2012 at 15:07 #

    veramente bello!!!

  14. 19 febbraio 2013 at 18:40 #

    Congratulazioni per il sito, anche noi di Overleft trattiamo molti dei temi di vostro interesse quali la decrescita, le fabbriche occupate, i movimenti. Segnaleremo il vostro sito. A risentirci, Paolo Rabissi.

  15. 19 febbraio 2013 at 21:13 #

    Caro Paolo, molte grazie. Ho dato appena uno sguardo a Overleft e letto qualcosa qua e là, mi sembra bello e molto interessante. Non perdiamoci di vista. Ciao marco

  16. Fulvio
    15 marzo 2013 at 08:58 #

    Sono di Bologna
    spero che il “movimento” non sia legato a qualche amministrazione comunale 🙂
    In ogni modo. Lavoro in un Associazione culturale di Bologna che fa teatro ed eventi culturali
    piacere di conoscervi ed eventualmente di collaborare

    ciao Fulvio

  17. Miranda
    27 maggio 2013 at 11:40 #

    stiamo facendo un buon lavoro: sulla comunicazione per il cittadino e adesso con i Comuni ! i risultati sono maggiore consapevolezza dei nostri gesti quotidiani per uno sviluppo sostenibile

  18. Antonella
    30 maggio 2013 at 08:56 #

    Solo ora, dopo aver saputo che dietro a questo sito ci siete voi …ho prestato più attenzione e tempo (collegamento lentissimo qui da noi, sotto il Monte Velino, a volte impossibile)
    Ed ora, cercherò di far conoscere Comune-info a tanti amici.
    Noi (Marco ed io) continuiamo nell’auto produzione, il più possibile … se possiamo in qualche modo esservi utili, fatecelo sapere.
    Vi auguro un buon lavoro

    Antonella

  19. massimo
    18 luglio 2013 at 11:58 #

    trovo sempre materiali interessantissimi
    grazie

  20. 15 settembre 2013 at 09:27 #

    complimenti idea molto bella. Se volete condividete i vostri contributi anche sulla nostra pagina http://www.facebook.com/cittadeibimbi.it. Abbiamo anche un’edizione locale del portale a questo indirizzo http://www.cittadeibimbi.it/bari…..
    AD MAIORA SEMPER

  21. fattoriasavino
    10 ottobre 2013 at 18:18 #

    …..siate il cambiamento che volete vedere…. bhè voi ci aiutate tantissimo!!!
    noi che non guardiamo oramai la tv da anni, troviamo in voi le vere notizie che TUTTI dovremmo sapere. Grazie ragazzi!! Per l’impegno e la passione che si sente tutta!!!
    A presto, Katia&Emanuele

  22. giorgio
    15 ottobre 2013 at 00:18 #

    ciao.
    non vi conosco ancora ma vi faccio gli auguri per tutto!

  23. fiorella bomè
    30 ottobre 2013 at 12:54 #

    da qualche tempo ricevo comune.info e lo trovo estremamente interessante, soprattutto seguo in particolare gli scritti di Maria G. Di Rienzo, che stimo tantissimo per la sua capacità critica nell’affrontare i temi legati alla violenza contro e sulle donne. La sua presenza è una garanzia di libertà di informazione dalla parte delle donne e dei diversi. Grazie

  24. 24 novembre 2013 at 01:30 #

    Iniziativa molto interessante. A Verona l’inverno scorso con il Movimento per le Decrescita Felice di Verona abbiamo avviato un ciclo d’incontri dal titolo Ali-menti per la ricerca di terreni e formazione di gruppi allo scopo di avviare orti collettivi. Una idea che è esplosa in una moltitudine di terre a disposizione e gruppi. Altre proposte e possibilità stanno arrivando tutt’ora. Abbiamo aperto un blog di collegamento visibile a questo indirizzo http://www.ortorto.blogspot.it/
    Tra qualche mese ripèrenderemo con Ali-menti, proponendo quest’anno un livello ulteriore di formazione per neo-contadini e “contadini di ritorno”, rispondendo così a numerose richieste. Nel frattempo abbiamo messo in rete alcune delle terre eccedenti a quelle degli orti e su richiesta dei proprietari, ne abbiamo fatto una reltà produzione per i gruppi di acquisto, appoggiandoci a aziende biologiche strutturate per la logistica. Siamo passati così dall’economia del dono all’economia sociale. Domani, domenica 24 novembre relazioniamo a biolife, Bz proprio su questo tema. Il convegno lo puoi leggere qui http://www.fierabolzano.it/biolife/tuttiglieventi.htm al titolo – TRA ECONOMIA DEL DONO ED ECONOMIA SOCIALE. Importante fare rete su tutte le iniziative di autoproduzione e di economia sociale. Sentiamoci!

  25. maurizio
    26 novembre 2013 at 10:34 #

    Bellissima iniziativa. Deluso ed esasperato stavo per tirare i remi in barca, poi ho letto Comune info e mi sono ricreduto, grazie e in bocca al lupo
    Maurizio

  26. Miguel Martinez
    8 gennaio 2014 at 17:27 #

    Carissimi, sono un vostro attento lettore, e vi scrivo per chiedere qualche dritta.

    Siamo un’associazione di promozione sociale/Onlus di un centinaio di abitanti dell’Oltrarno fiorentino. Abbiamo fatto una convenzione con il Comune che ci ha concesso la gestione dello storico giardino del Nidiaci in cui sono cresciuti tutti gli abitanti del rione di San Frediano: http.//nidiaci.blogspot.it

    però come associazione vorremmo soprattutto tener unito e vivo un quartiere che sta passando problemi tremendi, tra impoverimento, gentrification, sfratti e collasso delle istituzioni. E per fortuna, è un posto in cui ci conosciamo tutti e c’è una notevole partecipazione, con competenze molto diverse: qui convivono felicemente vecchi artigiani, immigrati dal Senegal e musicisti americani. Un mondo tendenzialmente “decrescista”, ma non di nicchia.

    Ci siamo dati uno statuto che ci permette di occuparci più o meno di qualunque cosa, e vorremmo mettere insieme la difesa dei beni comuni (come il giardino, ma non solo), con l’esplorazione dei monumenti minori di un quartiere così ricco di storia, con la creazione di qualche possibilità di economia di scambio, visto la drammatica situazione di tante famiglie. Anche scambiando capacità tecniche, per dire abbiamo uno bravissimo a riparare i pezzi elettronici delle lavatrici che di solito vengono considerati irreparabili.

    Per questa primavera, vorremmo anche fare un ciclo di incontri nel giardino, dove si parli di modi di risparmiare, di sana maternità, di come non farsi mangiare vivi da Facebook e temi simili: insomma, una decrescita molto pratica e poco ideologica.

    E anche studiare, senza eccessi utopistici, qualche forma di moneta complementare.

    Stiamo cercando idee e contatti il più possibile concreti e non astratti con chiunque abbia sviluppato esperienze interessanti su un lavoro di comunità, in modo da non doverci reinventare cose che magari altrove sono state fatte benissimo.

    A volte si tratta anche di cose semplici – ad esempio, sapere che da qualche parte c’è una tipografia che fa prezzi bassi, oppure che c’è qualcuno che ci può insegnare a fare qualcosa.

    So che si tratta di domande vaghe, ma è una buona occasione per stabilire un primo contatto.

    Miguel Martinez,
    Associazione Amici del Nidiaci in Oltrarno Onlus

  27. Rosetta Cavallo
    25 maggio 2014 at 10:35 #

    Caro Comune,
    complimenti per la lodevole iniziativa.
    Cambiare direzione vuol dire,principalmente, allontanare lo sguardo dal proprio individualismo.
    Vuol dire pensare al noi e non all’io. Vuol dire non arrendersi .Vuol dire far sentire la propria voce, perché il mondo che ci ruota attorno cambia con il nostro esempio e non con le nostre parole. Sono tante le belle parole espresse da una moltitudine di persone,ma se le parole non vengono accompagnate dai fatti,rimangono chiacchiere prive di senso.
    Lottare,perseverare, credere e non arrendersi mai. Sono le nostre uniche chances.
    I have a dream…che un giorno tutti facessero la propria parte.
    Io ci provo.
    Rosetta

  28. Fernando
    28 luglio 2014 at 00:22 #

    Così, si iniziano le vere rivoluzioni grazie!

  29. 26 settembre 2014 at 12:12 #

    Buongiorno maestra, le facciamo i complimenti per l’articolo.

    Volevamo proporre un concerto (lezione-concerto) didattico, con racconti del maestro Rodari: Gelsomino, Giovannino perdigiorno, L’omino della pioggia, La famiglia punto e virgola il semaforo blu e tanti altri.

    Voi siete in Puglia… sarebbe bello “portare” la n0stra musica da voi..

    cordiali saluti
    Il QUINTETTO DI FIATI “Gianni Rodari” di Roma

  30. 8 febbraio 2015 at 14:08 #

    Bellissimo sito, grazie del vostro lavoro! 🙂

  31. rino sanna
    28 febbraio 2017 at 17:01 #

    visitando il sito, ho percepito una “vicinanza”che viene insieme da molto lontano a da molto prossimo.. Curiosando fra i “chi siamo “, diverso da “chi siete”, ho capito tutto ! Un abbraccio a Daniela Degan, Alberto Castagnola, Marco Bersani,Domenico Finiguerra e atutti gli altri mai sconosciuti anche se non ancora conosciuti..Grazie per la continuità impegnata nella presenza.
    Ciao da rino sanna risagm@gmail.com

  32. pasquale_gravante
    4 marzo 2017 at 19:08 #

    Ragazzi, da alcuni anni mi occupo di Questioni Sociali.Troverete periodicamente qualche riflessione di carattere generale su problemi scottanti sociali.
    Buon lavoro e a presto

  33. riccardo
    28 aprile 2017 at 19:19 #

    Vi ho scoperto grazie ad una citazione del programma di Radio 3 “terza Pagina” che ha riferito oggi 28 aprile dell’intervento di Pertosa e Santoni sul tema del lavoro e del “lavorismo”.
    Ho trovato le loro considerazioni fantastiche sopratutto come fonte di riflessioni e possibili approfondiomenti.
    Ho anch’io considerato il lavoro per molta parte un odioso obbligo imposto sotto ricatto.
    Grazie e buon lavoro, ora vado a vedervi su FB.
    riccardo

    • redazione di Comune
      28 aprile 2017 at 20:51 #

      Ciao Riccardo, benvenuto sulla barchetta Comune.
      Sbircia ogni giorno nella nostra homepage (http://comune-info.net/), comunque tutti gli articoli sono poi segnalati su facebook e attraverso la newsletter (in home, nella colonna di destra, il link per iscriversi).

Trackbacks/Pingbacks

  1. 31 luglio – CAE OCCUPATA | 7 agosto – CAE SGOMBERATA | Teatro Valle Occupato - 11 agosto 2012

    […] la vicendaCittà dell’altra economia su Comune-infoDalla sua nascita (fine marzo 2012) Comune-info, sito di informazione indipendente dedicato ai temi sociali, dell’economia solidale e dei […]

  2. ValderaSolidale » SVUOTIAMO I BANCOMAT. FACCIAMO UNA MAG - 28 novembre 2013

    […] romano nel quartiere di San Giovanni, è molto luminosa e oggi ospita una conversazione tra noi che facciamo Comune e Cinzia Cimini ed Erika Lombardi. Loro, insieme a diversi altri coraggiosi, da ormai otto anni […]

  3. Mettiti in comune..Una buona pratica di condivisione del lavoro tra Imola Faenza e Bassa Romagna - 14 aprile 2014

    […] scoperto in rete sul sito legato ai beni comuni http://comune-info.net questa iniziativa che volentieri diffondiamo  nella speranza possa esserci anche una […]

Lascia un commento