Molto c’è da fare, mi auguro che il problema sollevi l’attenzione dei nuovi ministri dell’Ambiente e della Salute e che questi si attivino affinché il prossimo aggiornamento dello studio Sentieri registri un’inversione di tendenza. Questo sarebbe il più bel regalo ai bambini italiani.