La scuola degli autorevoli editorialisti

Il decalogo di Galli della Loggia? Ricorda un “cimitero d’automobili arrugginite”