La lettera di Ibrahim Gökçek

Dalla baraccopoli di Istanbul scrive un uomo che viene lasciato morire