I senza storia. I legami dei migranti

L’”estraneità” si incrina se compaiono “vite vere”, con un prima e un dopo