Il ruolo del maestro e della maestra

La creazione di un mondo migliore ha bisogno di una scuola diversa. Una scuola che non prepara i piccoli al lavoro, ma mette insieme prima di tutto maestre e maestri ricchi di passione in grado di favorire la nascita di comunità, palestre di ascolto e fiducia, dove i programmi non esistono o se esistono sono soltanto uno strumento. “Non credo molto alla suddivisione del sapere in materie – scrive Paolo Mai, tra i fondatori dell’asilo nel bosco di Ostia – e immagino una scuola fatta di poeti, filosofi, falegnami, attori… e sopratutto da maestri che amino il proprio mestiere”

“Lavorare insieme” all’asilo nel bosco di Ostia non è una materia, ma una scelta sperimentata ogni giorno

.

di Paolo Mai*

I maestri, sostiene Rita Pierson, sono nati per fare la differenza. Sono nati per costruire un mondo migliore aggiungo io, nonostante la loro importanza in Italia venga poco riconosciuta. Una buona maestra può orientare la vita dei bambini verso la bellezza, verso la felicità.

Abbiamo un grande onore e una grande responsabilità.

Non penso che il compito della scuola possa essere preparare i piccoli al mondo del lavoro. Credo che l’obiettivo sia più nobile e ambizioso: la scuola dovrebbe preparare alla vita.

Un buon maestro dovrebbe aiutare ciascuno dei suoi pargoli ad autorealizzarsi in virtù dell’impegno e della possibilità di conoscere e vedere riconosciuto il proprio talento. Dovremmo aiutare loro a costruire relazioni di qualità basate sull’ascolto e sulla fiducia, e nessuno strumento è più potente dell’esempio.

ARTICOLI CORRELATI

Piccola polis Paolo Mai

Il buon maestro porta la sua passione a scuola, sa far emozionare e non ha come obiettivo quello di mostrare la propria materia ma quello di farla amare. Sarebbe auspicabile poi che chi non fosse interessato non venga per questo giudicato male. Un grande musicista potrebbe vivere felicemente senza sapere le formule chimiche e un buon falegname potrebbe godere della vita senza aver imparato a fare la divisione in colonna. Ma una persona che non abbia scoperto il proprio talento, che faccia un mestiere che non lo appassiona che non sappia stare in mezzo agli altri non credo possa essere felice.

Non credo molto alla suddivisione del sapere in materie e immagino una scuola fatta di poeti, filosofi, falegnami, attori e sopratutto da maestri che amino il proprio mestiere, la propria missione.

Ognuno di noi credo abbia un ruolo del mondo e quello del maestro è di mettersi al servizio dei bambini per permettere loro innanzitutto di amare se stessi, gli altri e la vita.

Lezione di Scienze all’asilo nel bosco di Ostia

Qualche giorno fa un papà del waldkindergarden (scuola materna nel bosco) di Flensburg mi ha risposto così alla domanda su quale fossero le sue aspettative: “I hope that my daughters enjoj the life“ (“Spero che le mie figlie godano della vita”). Lo ha fatto piangendo per l’emozione che un pensiero tanto semplice quanto profondo ha provocato. Questo papà di nome Renè mi ha insegnato molto e come spesso mi è accaduto ho imparato moltissimo da una persona semplice, modesta e umile.

Quel è stata davvero una giornata speciale per me, ho visto da vicino lavorare una delle maestre più maestre che abbia mai conosciuto. Lei si chiama Petra e ha fondato il primo waldkindergan tedesco ormai oltre venticinque anni fa. Lei lavora senza seguire un programma perché si è accorta che un programma non esiste e riconosce la ricchezza di ogni bambino e bambina della sua scuola.

Petra parla poco e ascolta molto, non si arrabbia con i bambini e sempre sorride loro. Lo fa con la bocca, con gli occhi, col tono e la musica della voce, col ritmo dei suoi movimenti ma sopratutto con il cuore. Questo magari noi adulti facciamo fatica a percepirlo ma i bambini no, ed è per questo che gli alunni di Petra a distanza di venti anni ancora la ricordano e la ringraziano per averli aiutati, chi medico e chi spazzino, ad essere persone felici.

.

* Educatore, tra i fondatori dell’asilo nel bosco di Ostia. Ha aderito alla campagna Facciamo Comune insieme. Cura il blog lavitaebela.it

Tags:,

Nessun commento

Lascia un commento