Non una di meno. Un racconto fotografico

Certo ci sarebbe proprio bisogno di un movimento globale e senza leader, creativo e determinato, che non insegue i “grandi” media, un movimento in grado di promuovere feste in strada, azioni dirette, assemblee, cortei e di mettere sottosopra, con rabbia e ironia, attività produttive, scuole, piazze, perfino vite familiari. Un movimento che nasce da milioni di persone che ovunque tentano in molti modi diversi di creare un mondo nuovo, qui e adesso. Un movimento come quello delle donne.

Lo sciopero globale promosso in occasione della Giornata internazionale della donna in cinquantaquattro paesi di tutti il mondo – lanciato inizialmente dalle donne argentine di Ni una menos – è stato straordinario.

Ha scritto Lea Melandri: “Lo Sciopero internazionale delle donne dell’8 marzo 2017 in Italia sembra averne ricomposto tutte le anime, in una visione di insieme che va dall’autodeterminazione sessuale e riproduttiva alla precarietà del lavoro, dal partire da sé come pratica di presa di coscienza ai problemi riguardanti le migrazioni, dal femminicidio alla violenza maschile vista come ‘fenomeno culturale’, dal sessismo al razzismo, all’omofobia…”.

Di seguito, alcune foto (tratte dalla pagina facebook di Non una di meno, da quella di International Women’s Strike e inviate a Comune) di questa grande giornata, con manifestazioni e iniziative promosse (dal sud al nord) a Palermo, Gela, Catania, Cagliari, Cosenza, Catanzaro, Brindisi, Bari, Caserta, Napoli, Roma, Pisa, Lanciano, Pescara, Teramo, L’Aquila, Terni, Perugia, Siena, Firenze, Grosseto, Jesi, Bologna, Parma, Genova, Bergamo, Monza, Milano, Padova, Verona, Belluno, Trieste, Treviso, Torino, Alessandria, Trento.

In coda le proteste delle donne a Varsavia, Washington, Boston, Istanbul, Saragozza, Barcellona, Buenos Aires, Belem (Brasile), Montevideo , Dublino, Managua, Bogotà, Lima, Loja (Ecuador), Malmo, Barcellona, Hong Kong. Mosca, Lisbona, Santa Fe, Tempere (Finlandia), Dakar.

Lo avevano detto, saremo una marea.

La pagina non smette di aggiornarsi…

Roma

Bologna

Napoli

Napoli

Treviso

Pisa

Pisa

Genova

Bologna

Bologna

Milano

Monza

Milano

Jesi

Milano

Palermo

Catania

Brindisi

Padova

Pescara

Cagliari

Cagliari

Roma

Torino

Parma

Parma

Perugia

Terni

Lanciano

Cosenza

Belluno

Bari

Grosseto

Roma

L’Aquila

Catanzaro

Genova

Alessandria

Trieste

Gela

Bergamo

Siena

Firenze

Teramo

Milano

Roma

Caserta

Trento

Verona

*************************************

Varsavia

Washington

Boston

Istanbul

Saragozza

Montevideo

Lima

Buenos Aires

Dublino

Loja (Ecuador)

Belem (Brasile)

Managua

Barcellona

Malmo

Barcellona

Lima

Hong Kong

Bogotà

Mosca

Santa Fe

Lisbona

Tampere, Finlandia

Dakar

Tags:, ,

22 Risposte a “Non una di meno. Un racconto fotografico”

  1. Donatella Donati
    8 marzo 2017 at 23:44 #

    Una bella rassegna, con la pioggia e col sole, e con stili diversi, in tante diverse città. Grazie Comune.

    • Patrizia Angelotti
      10 marzo 2017 at 09:33 #

      Grazie. Sono immagini bellissime che dicono chiaramente quanto siamo ‘agguerrite’ e creative in tutto il mondo. Da alcuni luoghi non me l’aspettavo (donna di poca fede…) e perciò questo reportage fotografico mi è ancora più gradito. Sono commossa.

      • Paola
        10 marzo 2017 at 14:00 #

        Ho pianto e sento che se siamo state capaci di questo, potremmo essere capaci di fermare la vilenza in tutti i sensi

  2. Virginia Benvenuti
    8 marzo 2017 at 23:44 #

    È stata una giornata bellissima!

    • carla
      9 marzo 2017 at 00:42 #

      Era dal 77 che non mi divertivo così.
      Una lotta ironica e irriverente senza maschi a darci la linea. A cominciare dalla Camusso, che se le sogna delle manifestazioni così. Ex cigiellina.

  3. Nunzia Sca
    8 marzo 2017 at 23:45 #

    Grazie a voi tutte sorelle del mondo.

  4. Donatella
    9 marzo 2017 at 09:40 #

    E’ stata una giornata meravigliosa, grazie a tutte voi

  5. Albalisa Sampieri
    9 marzo 2017 at 09:48 #

    Immagini che trasmettono forza e speranza. Avanti tutta! Grazie Comune.

  6. Lea Melandri
    9 marzo 2017 at 09:49 #

    Perché sia sempre 8 marzo, per consapevolezza, combattività e forza collettiva. Grazie Comune della bellissima rassegna fotografica da tante città.

  7. Patrizia
    9 marzo 2017 at 10:33 #

    Mobilitazione globale! Noi donne sappiamo stare insieme e lottare per un obiettivo comune! Grazie per le immagini da tutto il mondo! Mancano quelle della mia città Terni!

  8. Rita Taggi
    9 marzo 2017 at 12:00 #

    Buongiorno a tutti e tutte… Diciamo che per essere stata una giornata a detta di alcuni limitata e con l’utilizzo di strumenti sbagliati, ci possiamo accontentare… Viva sempre le “cattive ragazze” e chi cammina con loro…

  9. Francesca Cau
    9 marzo 2017 at 14:35 #

    Grazie sorelle!

  10. PAOLA CAVALLARI
    10 marzo 2017 at 08:26 #

    DAVVERO IMPRESSIONANTE…. HO LA PELLE D’OCA… GRAZIE
    PAOLA CAVALLARI

  11. Martina
    10 marzo 2017 at 08:48 #

    Bellissime foto, tanta forza. Grazie a tutte!

    • alessandra mecozzi
      10 marzo 2017 at 14:23 #

      Bellissimo reportage globale. Da cittadine del mondo. Manca un po nord Africa e medio oriente.

  12. DANIELA DEGAN
    12 marzo 2017 at 11:50 #

    STRA-ORDINA-RIE

    sono senza fiato … piena di amore per tutte le sorelle del mondo!

    meglio di qualsiasi parola!

    Grazie

    Dani

  13. Roberto Renzoni
    12 marzo 2017 at 17:24 #

    Sono ben contento e mi auguro una continuità perenne. A Firenze c’ero anch’io e girellavo tra i vari settori ascoltando e condividendo…..

  14. Antonietta Lelario
    12 marzo 2017 at 17:42 #

    Grazie. Sono commossa. Comune info fa, come quasi sempre,
    il miglior commento ed il miglior racconto

  15. Orazio Leggiero
    13 marzo 2017 at 00:38 #

    C’ero anch’io al bellissimo corteo di Bari, e mi ha riempito di gioia vedere una grande partecipazione di giovani e di uomini. Questo vuol dire che noi uomini finalmente cominciamo a comprendere che la libertà delle donne è la libertà di tutte e tutti.

  16. 13 marzo 2017 at 15:51 #

    SPLENDIDO…
    La Rivoluzione è donna
    è la gioia dell’attimo
    che si esprime nella bellezza
    del tempo ri-trovato

    è la pluralità dei corpi
    che esprimono gioia di vivere
    e creano nelle differenze
    un afflato umano universale

    è l’immagine del possibile
    che appare sulle barricate
    della ribellione e della rivolta
    contro il razzismo al potere

    il sessismo e il patriarcato
    la devastazione della TERRA
    la fame la disperazione e la guerra
    …. otto marzo di liberazione

    la rivoluzione è donna
    e IL COMUNE è matriarcale…

    è il ritorno delle origini
    la riscrittura della STORIA
    il recupero dei linguaggi dimenticati
    e di tutti i tentativi falliti (?)…di dare l’assalto al cielo…g.s. (maschio…)

  17. bruna
    14 marzo 2017 at 09:39 #

    GRAZIE.
    “consapevolezza e solidarietà” – Il lungo cammino e la lotta delle DONNE cambieranno il mondo.

  18. Tiziana
    15 marzo 2017 at 12:53 #

    Un’emozione grandissima vedere tante donne nelle piazze di tutto il mondo. Questa forza va fatta confluire in azioni politiche concrete e condivise.
    La rivoluzione è DONNA

Lascia un commento