Roma e l’urbanistica “contrattata”

Povera urbanistica, che pure in passato ha vissuto qualche bella stagione. Oggi, forse per darsi un tono, quella vecchia disciplina, stanca di studiare l’insediamento degli umani e di progettare lo spazio urbano, non vuol dire più nulla, ha bisogno di un aggettivo, di qualificarsi. E’ così che nasce l’urbanistica “contrattata”, ma contrattata da chi? E con chi? Non certo con gli abitanti della città ma, guarda un po’, con i soliti noti: quei poteri che la bonaria ironia dei romani ha ribattezzato come palazzinari. E poi con il loro seguito di banche creditrici e investitori che hanno sempre segnato il destino di questa città. E di Tor Bella Monaca, di Corviale, del Laurentino, che ne facciamo? Ora lo sappiamo: potremmo costruire altrettanti stadi così da riqualificare quei luoghi miserabili e diseredati con tanti grattacieli, magari ecologici e un po’ storti come si addice ai tempi moderni

di Enzo Scandurra

Il grande progetto Tor di Valle (che con lo stadio ha poco o niente a che vedere e, per favore, diciamocelo) cambierà Roma?
Roma sarà più moderna? Somiglierà di più a Milano e alle altre grandi città globali, come Londra, Barcellona, Dubai?

Al termine di una visita turistica ai Fori, a piazza Navona, a piazza Campo de’ Fiori, ci sarà la gita fuori porta a Tor di Valle per ammirare i grattacieli che si specchiano sul Tevere? E i borgatari di Ponte di Nona, di Tor Bella Monaca, del Laurentino saliranno sui torpedoni turistici per andare ad ammirare quel pezzo della loro città per scoprire bellezze a loro sconosciute, così da dire, al termine della gita: sono orgoglioso di vivere in questa città?

Non so se corrisponde a verità, ma ho letto che nella miracolosa sforbiciata destinata a ridurre la colata di cemento, c’è anche una riduzione dei posti del nuovo stadio: da 60 mila a 52 mila! Se è così, dentro l’amministrazione Raggi ci deve essere qualche mago che conosce cose sconosciute a tutti, ovvero che quegli 8 mila tifosi erano fasulli e tanto valeva tenerne conto. O forse a dimostrare che lo stadio, in quel faraonico progetto, da soggetto è diventato una variabile dipendente.

Tutto questo passa, nella testa di chi difende questo progetto, come modernizzazione, innovazione, stare al passo con i tempi, che poi sono i tempi di un capitalismo trasformatosi in pensiero comune, diffuso, molecolare: l’ideologia neoliberista che azzera la storia come inutile fardello.

E l’urbanistica? Di chi è la città, avrebbe detto Lefebvre?

Povera disciplina che pure in passato ha avuto qualche momento di sussulto, qualche bella stagione (chi si ricorda più di nomi come Olivetti, La Pira, Doglio, Sullo?). Ora a questa parola è stato aggiunto il qualificativo di contrattata, un po’ come è avvenuto alla democrazia che qualcuno vuole partecipata, perché a chiamarla semplicemente democrazia si rischia di non dire niente, semplice banalità, vecchio arnese arrugginito dal tempo.

Contrattata da chi? E con chi? Non certo con gli abitanti della città né col popolo delle periferie né con tutte quelle associazioni che quotidianamente si impegnano, e si battono, per avere una città semplicemente più decente. Contrattata con i soliti noti: quei poteri forti che a Roma, dai tempi di Pasolini, si chiamano impropriamente costruttori e che la bonaria ironia dei romani ha ribattezzato come palazzinari. I famosi palazzinari con al seguito banche creditrici e investitori hanno sempre segnato il destino di questa città. È l’ultima scoperta del M5S; perché loro non sapevano, ai tempi della competizione elettorale per eleggere il sindaco, che a Roma di re non ce ne sono stati solo sette, ma che quella dinastia ha continuato a tenere botta. Così cacciato Berdini che, a detta di Raggi, parlava troppo e faceva niente, adesso sarà lei, la sindaca Raggi, improvvisata urbanista, a contrattarli, assicurandoci che non ci sarà una nuova colata di cemento. Su Tor di Valle pioverà manna dal cielo e Roma riprenderà a splendere più bella che pria.

È giorno di lutto per questa città, per i suoi abitanti e anche per quei tifosi che allo stadio certo ci tengono ma non a qualsiasi costo; anche loro vorrebbero una città più decente. Da domani ri-inizieremo a parlare di buche, di autobus che si fermano per la strada, di dove deve andare quella misteriosa metropolitana che sembra essersi persa nel sottosuolo romano, di tavolini selvaggi nel centro, e magari, perché no, di quegli insignificanti territori che si chiamano periferie abitati da cittadini che si chiamano tali solo il giorno delle elezioni.

E di Tor Bella Monaca, di Corviale, del Laurentino, che ne facciamo? Ora lo sappiamo: potremmo costruire altrettanti stadi così da riqualificare quei luoghi miserabili e diseredati con tanti grattacieli, magari ecologici, magari un po’ storti come si addice ai tempi moderni.

Tags:, , , , , , ,

Iscriviti e seguici

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti.

2 Risposte a “Roma e l’urbanistica “contrattata””

  1. Marco Sparaco
    21 febbraio 2017 at 09:23 #

    Berdini si è dimesso, nessuno lo ha cacciato!!
    Purtroppo, secondo me, è il solito indipendente di sinistra bravissimo con le parole ma quando si tratta di fare i fatti non sanno che pesci prendere!!
    L’ultimo frammento pubblicato della pseudo intervista, nel quale dice allo pseudo giornalaio che secondo lui erano amanti, ma specifica che questa notizia se la può giocare come vuole dicendo che magari gli è stata fornita da un’anonimo, è veramente da vergognarsi.
    Berdini purtroppo a mio parere ha avuto una chance irripetibile e se l’è giocata malissimo.
    Uno stupido o se preferite l’utile idiota della storia.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Buona notte e Buona giornata! – Diario di Viaggio di Daniele Dal Bon - 21 febbraio 2017

    […] ROMA E L’URBANISTICA “CONTRATTATA” Povera urbanistica, che pure in passato ha vissuto qualche bella stagione. Oggi, forse per darsi un tono, quella vecchia disciplina, stanca di studiare l’insediamento degli umani e di progettare lo spazio urbano, non vuol dire più nulla, ha bisogno di un aggettivo, di qualificarsi. È così che nasce l’urbanistica “contrattata”, ma contrattata da chi? E con chi? Non certo con gli abitanti della città ma, guarda un po’, con i soliti noti: quei poteri che la bonaria ironia dei romani ha ribattezzato come palazzinari. E poi con il loro seguito di banche creditrici e investitori che hanno sempre segnato il destino di questa città. E di Tor Bella Monaca, di Corviale, del Laurentino, che ne facciamo? Ora lo sappiamo: potremmo costruire altrettanti stadi così da riqualificare quei luoghi miserabili e diseredati con tanti grattacieli, magari ecologici e un po’ storti come si addice ai tempi moderni ENZO SCANDURRA […]

Lascia un commento