I marchi più grandi del mondo

di Tyler Durden

Il marchio più prezioso del mondo è di proprietà di una società con cui, probabilmente, abbiamo contatti tutti i giorni. Forse stai leggendo questa pagina-web proprio perché l’hai appena usato. Questo marchio è Google –  che domina internet con il suo 64 per cento di market share nelle ricerche, che generano il  41 per cento di tutti i proventi  della pubblicità digitale globale.

Come osserva Visual Capitalist di  Jeff Desjardins, secondo l’elenco di Brand Finance 2017, il valore del marchio Google è recentemente arrivato a 109.500.000.000 di dollari, giusto giusto per togliere il primato di 107.100.000.000 di dollari al marchio Apple che era in cima alla lista.

I marchi di maggior valore in ogni paese

L’infografica viene da HowMuch.net, un sito di informazioni sui costi, e spiega la lista dei migliori cinquecento brand di Brand Finance in un modo diverso. Esso mostra il marchio di maggior valore per ogni paese, e ha ogni paese dimensionato di conseguenza per il valore in dollari di tale società.

È interessante notare la differenza di valore da paese a paese. Google è il marchio più prezioso del mondo con 109.500.000.000 di dollari – ed è seguita da vicino da altri brand statunitensi come Apple ($107.1B) o Amazon ($106.4B). Inoltre, ci sono solo due marchi non statunitensi nella top dieci, ossia il conglomerato sudcoreano Samsung ($66.2B) e la banca cinese ICBC ($47.8B).

Anche due case automobilistiche si classificano in alte posizioni. La giapponese Toyota e la tedesca BMW hanno entrambi valutazioni significative a 46,3 miliardi di dollari e 37,1 miliardi di dollari.

Dopo di questi, c’è un forte calo di valore per la maggior parte dei paesi. I migliori marchi in paesi come Canada, Italia, Svizzera, Australia, Russia, India e Spagna non superano i 20 miliardi di valore. Su tutto il continente sudamericano, il marchio di maggior valore è della brasiliana Itaú, una banca con un brand che vale soltanto 6.9 miliardi di dollari.

Con il nostro conteggio, ben settantasei dei primi cento marchi risultano in Stati Uniti, Cina e Giappone.

.

Fonte: zerohedge.com
Scelto e tradotto da comedonchisciotte.org

Tags:,

Nessun commento

Lascia un commento