La voragine di Carlsbad

di Maria Rita D’Orsogna*

“The cavity will collapse. For all I know, it can start collapsing in 10 or 15 minutes.”

.
Carlsbad una città del New Messico. Ci si arriva lungo l’autostada US 285. All’avvicinarsi un segnale stradale avverte: “US 285 south subject to sinkhole 1,000 feet ahead, “Tra trecento metri lungo la US 285 sud c’è una voragine che sprofonda. Una sinkhole“. E infatti in questo angolo petrolifero del New Mexico c’è una caverna sotterranea che sta per crollare, e risucchiare con una chiesa, autostrade, stazioni di servizio, scuole, ferrovie e case.

La zona in questione è sede di varie caverne, che formano il Carlsbad Caverns National Park. La gente ci viene per turismo, per vedere le stalagmiti e le stalattiti e perché il sottosuolo è spettacolare.

La particolare caverna crollante che ora preoccupa la comunità è il risultato di tre decenni di petrolio: è una caverna artificiale in cui è stata pompata acqua per anni. L’acqua arrivava a circa centocinquanta metri sotto la crosta terrestre e riportava su in superficie “brine” – una soluzione acquosa ad alta salinità – che veniva poi usata come additivo dei fluidi di perforazione per l’industria del petrolio e del gas dello stato del New Mexico. La caverna sta per crollare, come è già successo in altre zone del New Mexico, nonché in Kansas, Michigan e Canada, per il troppo stress accumulatosi nel corso degli anni. La caverna di Carlsbad è particolarmente pericolosa perché si trova nei pressi di un centro abitato di circa ventiseimila persone;  potrebbe fare grandi danni.

 

In questa caverna non si pompa più da vari anni, ma i danni vanno avanti: come sempre, la geologia una volta che la metti in moto, quella va avanti per la sua strada. In superficie ci sono attività commerciali, hotel, scuole, autostrade, banche, e stazioni di servizio. Il crollo sarebbe catastrofico, perché porterebbe via con se almeno un miliardo di dollari di proprietà e infrastrutture.

Nel corso degli scorsi anni sono state dichiarati stati di emergenza, ci sono stati avvisi al pubblico, e la richiesta di denaro pubblico per metterla in sicurezza e per installare centraline e allarmi. Qualche settimana fa l’allarme dei geologi: la caverna potrebbe collassare in ogni momento, portando via una gran fetta dell’abitato di Carlsbad. Circa duecento persone potrebbero avere impatti negativi sulle loro proprietà.

La ditta responsabile delle operazioni di brina è la I&W che ha dovuto già chiudere la caverna ed è andata in bancarotta. 

.
* Fisica e docente all’Università statale della California, cura diversi blog (come questo). Consapevole dell’importanza dell’informazione indipendente, Maria Rita ha autorizzato con piacere Comune a pubblicare i suoi articoli
 

Tags:, , , ,

Nessun commento

Lascia un commento