La vendetta contro i No Tav

no-tav-liberi

Ci ritroviamo di fronte all’ennesima vigliaccata da parte della questura torinese che stamane per esecuzione di quattro digos ha prelevato Luca Germano dalla propria abitazione, presso cui era ai domiciliari, per tradurlo al carcere delle Vallette. Luca, che pochi giorni fa aveva finito di scontare la condanna per evasione, era ancora sottoposto alla misura preventiva del carcere domiciliare per i fatti del 28 giugno.

Al momento non sappiamo i motivi di tale aggravamento, di sicuro avremo notizie più certe nelle prossime ore. Sorge il sospetto che avendo la cassazione liberato Nicoletta (leggi A volte i più prepotenti perdono), qualcuno non concorde con tale atto si sia impegnato nel farla pagare al movimento in altro modo… Oramai funziona così, i loro sporchi giochi vengono fatti sulla nostra pelle.

In attesa di maggiori informazioni e indicazioni su come mobilitarci, vi invitiamo a scrivere a Luca che passerà l’ultimo dell’anno in carcere:

Luca Germano
carcere Lorusso e Cotugno
via M.A, Aglietta 35
10151 Torino

Nello stringerci attorno a Luca, salutiamo con affetto anche Eddy, Jacopo e Giuliano ancora ai domiciliari, ancora privati della loro libertà. Agli altri, a chi ci è nemico, rinnoviamo un sentito disprezzo. Solidarietà a Luca! Solidarietà a Eddy, Jacopo e Giuliano! Avanti No Tav!

Fonte: notav.info

Tags:, ,

Iscriviti e seguici

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti.

Nessun commento

Lascia un commento