Mamma, sono arrivata

15095712_1211842632186454_4117227412787815488_n

di Saverio Tommasi*

La bambina nella foto si chiama Oumoh e ha quattro anni. La madre l’aveva portata via dalla Costa d’Avorio per sottrarla alla pratica dell’infibulazione, ma alcuni parenti le avevano bloccate a Tunisi. La madre l’aveva affidata a un’amica, “almeno lei si salverà”. Il barcone era affondato e la bambina, salva e in Italia, era però rimasta sola e senza un numero di telefono.

È stata un’altra bambina, Nassade, otto anni del Mali, giunta a Lampedusa venerdì scorso insieme alla madre e al fratellino di tre settimane, a riconoscerla. Si erano viste in Tunisia, per caso, e per caso si sono rincontrate. È spuntato un numero di telefono ed era quello della madre di Oumoh, così l’hanno digitato. La madre ha risposto. Dopo settimane in cui non sapeva niente della figlia, la madre è scoppiata a piangere al telefono.

La donna nella foto è l’ispettore Maria Volpe, che per tre giorni si era presa cura della bambina a Lampedusa.

Ora la bambina e la madre si ricongiungeranno. I razzisti sperano lo facciano rispedendo la bambina a Tunisi, le persone normali sperano che alla madre venga permesso di venire ad abbracciare la figlia in Italia.

 

ARTICOLI CORRELATI

 

* Attore, scrittore, blogger, Saverio Tommasi è nato a Firenze e ama raccontare storie. “Il mio mestiere – scrive nel suo sito – è vivere le storie… Sul campo. Sul palco, attraverso una telecamera o un libro. Mostrare ciò che non si ha interesse a disvelare”. Quali storie? “Storie scomode. Voglio alzare i tappeti e raccogliere la polvere”. Ha scelto di inviare i suoi articoli a Comune con molto piacere

Tags:

Nessun commento

Lascia un commento