Non smetteremo di colorare le piazze

La grande manifestazione delle donne di sabato 26 (#Nonunainmeno) contro la violenza e il dominio maschili ha radici antiche, nessi evidenti con i movimenti che negli ultimi mesi hanno sorpreso molti paesi e un futuro prossimo fatto di ribellioni nella vita di ogni giorno. “È stato necessario, e lo è ancora oggi, che nelle piazze tornassero a manifestare per iniziativa di collettivi, gruppi femministi e lesbici – scrive Lea Melandri -, generazioni di donne che non hanno mai smesso dagli anni Settanta di portare l’attenzione su un dominio particolare, fondamento di tutte le forme di oppressione finora conosciute e, allo stesso tempo, così sfuggente da confondersi con le relazioni più intime…”. In questa pagina alcune foto delle manifestazioni di donne in Argentina, Irlanda e Polonia. La prima foto e quelle in coda sono del 26 novembre a Roma (ringraziamo le lettrici e i lettori che le hanno messe in… Comune in rete). Un commento alla giornata del 26, di Maria G. Di Rienzo, è leggibile qui
g15211499_10211298209796088_1107993924_n

15203193_1895664600653756_3221920991585160538_n

15211590_10211298141154372_1472026381_n

Foto di Francesca Lepori

Non smetteremo di colorare le piazze

di Lea Melandri*

Il 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, è una di quelle ricorrenze che si preferirebbe dimenticare o abolire, ma che al medesimo tempo ha il merito di rendere evidente la contraddizione di un fenomeno di durata secolare che, per essere portato a consapevolezza e assunto in tutte le sue profonde implicazioni politiche, ha bisogno di essere considerato un’“emergenza”.

È solo da una decina di anni che, a differenza di altre parti del mondo, nel nostro paese si è cominciato a parlare del carattere “strutturale” di una violenza che esplode in forme manifeste – maltrattamenti, stupri, omicidi, eccetera – ma che è inscritta in tutte le istituzioni della vita pubblica, nella cultura alta come nel senso comune, nell’atto stesso di nascita della polis, e annidata, per usare un’efficace espressione di Pierre Bourdieu, “nell’oscurità dei corpi”.

ARTICOLI CORRELATI

.

È stato necessario, e lo è ancora oggi, che nelle strade e nelle piazze di grandi città tornassero a manifestare per iniziativa di collettivi, gruppi femministi e lesbici, generazioni di donne che non hanno mai smesso dagli anni settanta di portare l’attenzione su un dominio particolare, fondamento di tutte le forme di oppressione finora conosciute e, allo stesso tempo, così sfuggente da confondersi con le relazioni più intime.

La libertà e l’autonomia spinte ai margini

È sicuramente un grande passo avanti il fatto che nel dibattito pubblico si cominci a nominare il risvolto oscuro, inquietante di legami amorosi, famigliari, ritenuti “normali”, così come si può considerare una conquista di lente e pazienti battaglie del movimento delle donne l’assunzione di responsabilità da parte delle istituzioni politiche e amministrative su questi temi.

Ma quando hanno fatto la loro comparsa provvedimenti legislativi volti a sensibilizzare, prevenire l’aggressività maschile, tutelare le vittime – penso al Piano straordinario contro la violenza sessuale e di genere, da poco approvato – a essere esautorate e respinte ai margini sono state proprio le donne che hanno lavorato anni nei centri antiviolenza, nelle scuole, nei centri di documentazione e nelle associazioni culturali, per far crescere libertà dove c’era soggezione, autonomia dove c’era adeguamento a modelli interiorizzati.

Ci sono molti modi per far fronte a un cambiamento di sensibilità, convinzioni, rapporti di potere, che lentamente si fa strada fuori dal privato, da esperienze dolorose vissute in solitudine o rimaste all’interno di gruppi e movimenti costretti a un andamento carsico e a rare, brevi esplosioni sulla scena pubblica. Quello più comune è accontentarsi di politiche inclusive che lasciano inalterato il sistema di valori che è stato messo in discussione.

14633391_1879232292296987_4179902585999908435_o

Il 26 novembre si terrà a Roma una manifestazione promossa da una vasta rete nazionale i cui slogan Io decido, Nonunainmeno dicono della rabbia crescente di chi ha sopportato troppo a lungo gli ostacoli frapposti alla propria libertà, al proprio piacere – dalla violenza manifesta alle pressioni psicologiche, alla condanna morale. Non sarà un caso che con tanta tempestività papa Bergoglio conceda a nome della chiesa il perdono alle donne che abortiscono, considerate “assassine” da tutte le religioni e da tanti “rispettabili” governi del mondo. Si può dire che le folle oceaniche che si sono viste negli ultimi tempi colorare le piazze, dall’Europa all’America Latina, hanno lasciato il segno. Ma chi “perdonerà” gli uomini per aver imposto con un asservimento violento la loro sessualità procreativa, costretto le donne a mettere a rischio la loro vita, prima per assecondare i bisogni e desideri altrui, oggi per affermare i propri?

img_0885

Manifestazione di donne in Irlanda (leggi anche Se 25mila irlandesi vi sembran pochi)

14657323_1875131689373714_1059070931628042407_n

Argentina, Ni Una menos

Il dominio maschile, che comincia a essere portato alla storia solo ora, sostenuto nella sua eccezionale durata da una sorta di “naturalizzazione”, non ha significato solo l’esclusione delle donne dal governo del mondo, ma il controllo e lo sfruttamento dei loro corpi, con un potere di vita e di morte i cui residui barbarici arrivano fin nel cuore della modernità. Dovrebbe essere perciò facilmente comprensibile la radicalità con cui sempre riemerge la protesta di un femminismo convinto di dover far fronte a una guerra che ha per teatro il corpo: dalla sessualità alla maternità, all’interruzione volontaria di gravidanze indesiderate.

Rassicurazioni e perplessità

Oggi è proprio la certezza degli uomini di poter avere la donna tutta per sé – disposta come voleva il dettato rousseauiano ad “allevarli da piccoli, averne cura da grandi, consigliarli, consolarli, rendere loro la vita piacevole e dolce” –, che, venendo meno, lascia allo scoperto una fragilità e una dipendenza maschile facili a trasformarsi in aggressione. Bisogna aggiungere che non ci sono più, a sostenere la “virilità”, quei corpi sociali che rassicuravano l’uomo della sua differenza dall’altro sesso.

Warszawa, 18.06.2016. Marsz Godnoœci Kobiet w Warszawie, 18 bm. Manifestacja organizowana jest w obronie praw, które gwarantuje kobietom konstytucja. Pochód pod has³em "Prawa cz³owieka prawami kobiet" wyruszy³ o 11:55 z placu Zbawiciela i idzie ulicami stolicy do Ogrodu Saskiego. (zuz) PAP/Pawe³ Supernak ***Zdjêcie do depeszy PAP pt. W Warszawie Marsz Godnoœci – Protest Kobiet***

Donne in piazza anche in Polonia (giugno 2016)

Non è la prima volta che mutamenti prodotti dalla messa in discussione dei ruoli tradizionali di genere scuotono il sistema sociale, culturale e politico dalle sue basi, e finiscono per alimentare fondamentalismi religiosi, nostalgici ripiegamenti su retoriche di patria, nazione, razza, eccetera. È successo ai primi del novecento, quando una “virilità guerriera” ha aperto la strada a un bellicismo esaltato come “stato naturale” dei maschi. Può succedere ancora.

Rassicura la comparsa, sia pure sporadica e isolata all’interno della cultura politica maschile, di analisi che vedono nel sessismo, nel privilegio che ha fatto dell’eterosessualità il modello su cui si sono costruite le differenze di genere e ogni altra forma di diseguaglianza, un aspetto non secondario di ciò che accomuna la società dei consumi, del “fai da te”, del liberismo economico, con il ritorno a un comunitarismo arcaico, gerarchico e autoritario. Lascia perplessi invece il muro di silenzio che fa apparire il femminismo come reminiscenza del passato, per poi aprire una breccia quando è necessario averlo come alleato contro le derive minacciose di una civiltà rimasta a lungo straniera per l’altra metà del genere umano.

 

* Pubblicato su Internazionale.it (con il titolo originale Storie e contraddizioni da superare nella giornata contro la violenza sulle donne), qui con il consenso dell’autrice che ha aderito alla campagna Facciamo Comune insieme.

15193664_1895625227324360_3764340338564753081_n 15181115_1895624803991069_7037279423103667422_n 15202776_371143463236795_2476702546675691048_n 15252741_922815921151798_5423758760694666274_o 15232319_10211297823786438_7241286808595423748_n 15253412_10211468916306986_3533045097099130427_n 15192803_10209858524171181_1075456974544274355_n 15178979_567986366737854_4167626936265062518_n 15170926_1807502476165328_4824025263811839753_n 15129471_10211469509241809_4458039918722705613_o 15137510_10211469509721821_8575829871121602072_o 15259764_10211469509441814_601302998295826010_o 15220142_10211004946269337_3832930059979713564_n 15259393_10208956341958024_1411404240913566599_o

15239201_10211298121473880_506403246_n  15218258_10211298117713786_1020127539_n

15241193_568017726734718_1416187031345680833_n 15168751_10210870304022880_4633205138771496224_o 15219425_1188310011214661_7516103393428732081_n

15219408_10154699383129780_8635161383647434676_n 15192558_10154699383154780_5095018194382033133_n

15219379_10208959289151702_4841229180762875184_n

15134758_904055219695572_712085982251496618_n

15232190_904054909695603_8047088485577945112_n

Tags:, ,

Iscriviti e seguici

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti.

Trackbacks/Pingbacks

  1. ‘Non smetteremo di colorare le piazze’ | archiviodilea - 27 novembre 2016

    […] Articolo pubblicato su Comune-info.net il 24.XI.2016, per leggerlo clicca qui  […]

  2. Non smetteremo di colorare le piazze –  – Redvince's Weblog - 1 dicembre 2016

    […] Sorgente: Non smetteremo di colorare le piazze – Comune-info […]

  3. Dire con chiarezza quello che non siamo più disposte a tollerare – Il paese delle donne on line – rivista - 9 dicembre 2016

    […] mi soffermerò sulle tante ragioni che ci hanno portato qui (leggi anche Non smetteremo di colorare le piazze). Sulla violenza sappiamo molto, molto abbiamo detto e scritto analizzato, sia sulle sue forme […]

Lascia un commento