Il clima e la coerenza che non c’è

Una lotta efficace al cambiamento climatico non può prescindere da una profonda revisione delle politiche economiche e commerciali internazionali. Il non superamento di 1.5°C di aumento della temperatura media, obiettivo ambizioso ma necessario, rischia di essere messo in discussione da strategie che vanno in direzione esattamente opposta.

cdab1866-6288-455d-8d39-4c2397e03af2_large

di Alberto Zoratti *

“Accelerare l’azione di contrasto al cambiamento climatico”. È il refrain che ha contraddistinto la Cop22 di Marrakech – la Conferenza Onu sul clima, un anno dopo la conclusione dell’Accordo di Parigi.

È di poche settimane fa l’ultimo rapporto dell’Ipcc (il panel scientifico intergovernativo sul cambiamento climatico) sulla fattibilità dell’obiettivo 1.5, cioè il non superamento della soglia degli 1.5°C di aumento della temperatura media planetaria, che determinerebbe impatti ambientali e sociali non indifferente in molte parti del globo. Per far questo, però, è necessario rinforzare e implementare da subito i contributi nazionali che i Paesi firmatari dell’Accordo hanno promesso di applicare sul taglio delle emissioni di gas climalteranti e sui piani di adattamento da applicare da subito. Ma la finestra di opportunità si stringe sempre di più.

Ad oggi secondo le stime dell’Ipcc le linee di trend delle emissioni di gas viaggiano ancora verso lo scenario peggiore (con un aumento della temperatura previsto che va oltre i 3.5°C) e per riuscire a cambiare rotta bisognerebbe raggiungere il picco il prossimo anno, per poi decrescere velocemente.

Per fare questo, però, è necessario mettere in piedi uno sforzo globale che va ben oltre le stanze negoziali di questa Cop. Va messa in campo una coerenza delle politiche che vede in primo piano una profonda revisione delle strategie di sviluppo e di crescita economica dei prossimi anni, uno scenario ad oggi che si potrebbe definire ancora “fantascientifico”.

Analizzando altri processi negoziali in corso, come quelli dei trattati di liberalizzazione commerciale che istituiscono meccanismi vincolanti e sanzionatori, si nota come il percorso che si sta seguendo sia ancora business as usual, imperniato su un’ideologia del libero mercato ad ogni costo che non tiene conto delle sfide reali del prossimo futuro.

La campagna Stop T-tip Italia ha consegnato al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, incontrato in una riunione organizzata da Coalizione Clima, un documento di approfondimento che chiarisce in modo inequivocabile come il trattato di liberalizzazione con il Canada, ora in via di approvazione al Parlamento Europeo e in seguito nei Parlamenti nazionali, possa avere impatti non indifferenti sulle politiche di lotta al cambiamento climatico .

img-20161117-wa0003
È necessario che questi trattati, dagli impatti ormai estesi e non del tutto prevedibili, passi per uno scrutinio approfondito non solo del consiglio dei ministri e del parlamento, ma anche dei cittadini attraverso un vero dibattito pubblico informato.

Nel testo del trattato ci sono linee guida che rischiano di andare in controtendenza rispetto a ciò che si auspica: vengono messi in discussione ad esempio i sussidi agricoli perché considerati distorsivi del mercato, ma non vi è alcun riferimento ai sussidi fossili che continuano a sostenere l’utilizzo di combustibili causa primaria dell’effetto serra. Nessuna menzione al taglio dei 3.3 miliardi di dollari che il Canada investe su gas e petrolio, come è stato recentemente denunciato da una coalizione di organizzazioni ambientaliste canadesi.

In più, il tribunale per la risoluzione delle controversie tra investitori e Stato, l’Isds o la sua proposta riformata Ics, rischia di indebolire le politiche di lotta al cambiamento climatico se queste mettono in discussione le aspettative di profitto delle grandi imprese. Il caso di Transcanada e della sua richiesta di 15 miliardi di dollari di compensazione all’amministrazione statunitense, usando il tribunale speciale Isds messo a disposizione dall’area di libero scambio nordamericana (Nafta), in seguito al blocco dell’oleodotto Keystone XL da parte della Presidenza Obama, ne è un esempio. Non è un caso che il Parlamento europeo abbia chiesto esattamente un anno fa, in una risoluzione votata in vista della Cop21 di Parigi sul clima, che le politiche di lotta al cambiamento climatico siano tutelate, e quindi escluse, dalla giurisdizione degli Isds.

wallonie
Tutto questo in un trattato commerciale definito “avanzato” anche dal punto di vista dell’innalzamento degli standard, ma che vede i capitoli specifici sulla protezione ambientale e sulla tutela del diritto del lavoro senza alcun meccanismo di sanzione, ma solo con procedure di consultazione. Un modo per dire che se gli investitori privati meritano di essere tutelati da politiche che possono impattare sui loro investimenti, lo stesso non si può dire per i lavoratori di quelle imprese o per l’ambiente e il territorio.

Una vera transizione verso una low carbon economy non può prescindere da una lotta articolata per una giustizia economica e sociale. Una lettura che dovrà essere tenuta in seria considerazione nei prossimi mesi, quando il testo del Ceta passerà dal Parlamento Europeo e da quello italiano per la sua ratifica e la sua applicazione finali.

 

*Fairwatch – dalla COP22 di Marrakech

Tags:, , , , , , ,

Nessun commento

Lascia un commento