Sin patrón

Nell’agosto del 2014, Raúl Valda, il padrone di una importante azienda tessile boliviana, la Punto Blanco, è stato arrestato: doveva rispondere del mancato pagamento di quasi 5 milioni di bolivianos per la sicurezza sociale e le pensioni dei suoi lavoratori. Una volta rilasciato, dopo aver devastato gli impianti della fabbrica, Valda ha fatto perdere le sue tracce. Le lavoratrici e i lavoratori, però, hanno resistito e rimesso in piedi dal nulla la Punto Blanco, che ora sta funzionando. Rischia però di essere affossata dai debiti stratosferici che il padrone aveva contratto con il Banco Nacional e dagli impedimenti giuridici che ancora non riconoscono all’autogestione operaia quel che ha saputo conquistare con tenacia e creatività in anni di sacrifici durissimi. Maria Galindo, femminista conosciuta e apprezzata in tutto il mondo, scrive al vicepresidente del governo di Evo Morales perché questa straordinaria storia di affermazione della dignità non venga trattata dalle autorità politiche e finanziarie nazionali come una semplice pratica contabile
puntoblanco

Nella Punto Blanco. Foto: negocios del mundo

di Maria Galindo

A pochi isolati da Enatex, oggi trasformato in Senatex, un ente che nessuno cosa sia ma che certo di diventerà un altro cadavere dell’industria tessile nazionale, funziona la Punto Blanco.

Si tratta di una fabbrica dichiarata fallita dal suo amministratore e proprietario, Raúl Valda. Come Ametex, Punto Blanco non pagava più né stipendi né AFP (fondo pensione, ndr) e Valda la stava de-capitalizzando per poi abbandonarla e lasciarla andare in rovina. I milioni se li sarebbe portati fuori dal paese.

Gli imprenditori boliviani non ci rimettono. Falliscono e sono capaci di distruggere le loro fabbriche per impedire che siano le lavoratrici e i lavoratori, quelli che le hanno realmente messe su, a prenderne le redini dimostrando che anche senza proprietari e amministratori si possa far andare avanti un’azienda industriale.

Con quali soldi sta vivendo adesso Iberkleid (il padrone di Ametex, ndt) negli Stati Uniti? Senza dubbio con il denaro accumulato con Ametex. E dove sarà ora Raul Valda? Non lo sappiamo. Con quale denaro vivrà? Con quello guadagnato da Punto Blanco, è ovvio. Tutte e due le fabbriche, come anche molte altre, hanno ricevuto un sacco di crediti e facilitazioni dallo Stato. Quello è denaro pubblico, sia chiaro.

Gli imprenditori boliviani sono figli di papà, non assumono impegni con i loro lavoratori. Hanno una mentalità speculativa e, tra le loro caratteristiche tipiche, ci sono il rifiuto di assumere responsabilità sulla produzione e l’aspirazione a uno stile di vita da monarca. L’imprenditoria boliviana gioca a golf e inaugura lussuose automobili ogni anno, ma non ha di che pagare le pensioni né gli aumenti salariali. Non può permettersi di migliorare la qualità della vita delle lavoratrici e dei lavoratori. Gli imprenditori non fanno fatica ad andare d’accordo col governo, né a massaggiare la schiena del potere o a continuare a chiedere favori e sovvenzioni per il portafoglio in nome dell’industria nazionale.

1137711603_850215_0000000000_sumario_normal

E’ il 2006, un dipendente della Punto Blanco posa con una “chompa”, un pull over, alla Evo. Morales aveva fatto un viaggio internazionale incontrando perfino il re Juan Carlos di Spagna con quel tipo di maglia. Il marketing di Valda Punto Blanco sfruttò a fondo la “Evomania”. Foto El Pais

E’ per queste ragioni, ragioni che tutti conosciamo e consideriamo offensive per la dignità, che ci commuove profondamente quel che stanno dimostrando oggi, senza alcun clamore, i lavoratori e le lavoratrici di Punto Blanco.

Sono lavoratori che hanno resistito e affrontato il momento più drammatico, che hanno lottato per difendere ciò che essi stessi avevano costruito. Hanno mani esperte che fabbricano prodotti intimi. Senza capireparto fra i piedi che li controllino, indossano la tuta da lavoro e, sotto il rumore di macchine obsolete, ci insegnano ogni giorno che l’autogestione operaia non è solo un’opzione scritta nei libri di marxismo ma una realtà concreta.

Ci dimostrano, inoltre, che un prodotto boliviano già presente nel cuore della gente può battersi contro l’invasione delle merci cinesi. Ci mostrano come una fabbrica, quando non deve farsi carico di stipendi milionari ad amministratori figli di papà, riesce a pagare gli stipendi e a sostenere la produzione.

Gli operai più vecchi, chini a terra, a forza di pinze e martello, riescono a far andare le macchine obsolete. Le riparano con trucchi ingegnosi perché di quelle macchine non esistono più nemmeno i ricambi.

punto-blanco

Uno sciopero durante la crisi aziendale. Foto eabolivia

Ricordo di aver venduto io stessa al Vicepresidente della Bolivia, Alvaro Garcia Linera, in una qualche fiera del libro, il memorabile Sin patrón (1), che racconta il processo delle fabbriche recuperate in Argentina. Un processo storico per il post-menemismo. Oggi in Bolivia, a Punto Blanco e con lo stile boliviano, sta succedendo esattamente la stessa cosa, malgrado il padrone abbia avuto la meschinità di distruggere la fabbrica, prima di abbandonarla, entrando dal tetto e facendo a pezzi tutto quel che ha potuto. Le lavoratrici e i lavoratori l’hanno ricostruita dal nulla e oggi l’autogestiscono. Si pagano gli stipendi, ricevono le commesse, mantengono i mercati e la qualità degli abiti.

La Banca Centrale è proprietaria del debito e per questo non si è proceduto alla consegna giuridica definitiva della fabbrica ai lavoratori e alle lavoratrici. Chiedo al Vicepresidente di consultare il libro che gli ho venduto, Sin Patron, e di procedere alla consegna della fabbrica ai suoi legittimi proprietari: i lavoratori e le lavoratrici.

Da questa rubrica, che ogni giorno acquisice nuova forza, chiedo il condono del debito di Punto Blanco in favore delle lavoratrici e dei lavoratori, e la consegna giuridica definitiva della fabbrica occupata e recuperata. Lo chiedo, in nome del socialismo e della giustizia. E chiedo che la gente compri capi di vestiario Punto Blanco. Dietro ogni maglia ci sono mani boliviane, filo e speranze boliviane. La qualità à buona, il prezzo anche. Ma quel che più conta è che dietro ogni prodotto Punto Blanco c’è autogestione operaia.

Fonte: Pagina Siete

Traduzione per Comune-info: Marco Calabria

(1) Senza padrone-Sin patron. Storie di fabbriche e imprese recuperate dai lavoratori uscì in Italia in un’edizione arricchita da interventi ed esperienze italiane per Gesco distribuita dal settimanale Carta nel 2007.

La Bolivia di Maria Galindo su Comune-info
images

Maria Galindo di Mujeres Creando

Con il sangue come inchiostro

La femminista boliviana María Galindo analizza il femminicidio come crimine di Stato. È un concetto teorico basato su un’esperienza concreta: il collettivo Mujeres Creando (Donne che Creano), che ha fondato e di cui fa parte María, accompagna il processo giudiziario del femminicidio di Andrea, la figlia di una delle sue aderenti.  E con questo dolore […]

Il femminismo del fare ogni giorno

La vicinanza, il quotidiano, il piacere. Parole chiave della grande esperienza politica delle femministe di Mujeres Creando. Le parole, tuttavia, possono essere usate perfino contro il loro significato: una delle azioni del potere è divorare tutto, essere il tutto. Nulla deve avere un significato diverso da quello che gli viene assegnato, dice Maria Galindo. Per […]

La vita nuda

Hanno scelto il sagrato della cattedrale di Santa Cruz, seconda città della Bolivia, per dire che non sono “cose” e la libertà è il bene più prezioso che hanno. I corpi veri delle donne, non quelli di plastica che impone la tirannia estetica dei media, sono tutti belli. Il collettivo di Mujeres Creando, da vent’anni […]

 

Tags:, , , , , ,

Nessun commento

Lascia un commento