La bambina con la bicicletta e la pace

B’Tselem, Centro di informazione israeliano per i diritti umani nei Territori occupati, ha fatto circolare un video – ripreso dal quotidiano britannico Indipendent – che documenta in modo efficace la “normalità” verso la quale può spingere il delirio securitario dei soldati israeliani. E’ il frutto avvelenato non della paura ossessiva di essere oggetto di un attentato (la razionalità porrebbe in questo caso dei limiti) ma di quel senso di onnipotenza, dell’arroganza del più forte, della violenza sadica dei piccoli gesti quotidiani molto spesso capaci di alimentare l’odio come neanche l’ennesima strage di Palestinesi potrebbe

VIDEO: Israeli Soldiers Confiscate Eight-Year-Old Palestinian Girl's Bicycle

di Saverio Tommasi

Ho visto un video in cui un soldato israeliano strappa la bici a una bambina palestinese, e lei piange. Lui continua a tenere i piedi sopra la bici e costringe la bambina ad andare via. La bambina, ancora, piange.
Il soldato aspetta che la bambina se ne vada, correndo e piangendo, e poi getta la bici fra i cespugli.

Questo non c’entra niente con il bisogno di sicurezza di un popolo. Come il bisogno di sicurezza non c’entra niente con il costringere un altro popolo a vivere in un fazzoletto di terra, fermare le ambulanze con i nonni che stanno morendo ai posti di blocco, privarli dell’acqua, privarli della libertà, privarli dei campi da coltivare, chiuderli con un muro, privarli del riconoscimento di uno Stato.

Io sto con le biciclette, e con le bambine che le guidano, perché sono l’unica possibilità, per tutti, di arrivare alla pace.

Tags:, , , , , , , , ,

1 risposta a “La bambina con la bicicletta e la pace”

  1. Elena Lionnet
    17 agosto 2016 at 11:07 #

    Anch’io sto dalla parte delle bambine con le biciclette. Come mi è piaciuto il suo biglietto. Che pena a vedere il terrore dei bambini che corrono via prendendo i giochi.
    Si ricorda il bel film saoudiano Wajda ? era proprio la storia di una bambina che vuole fortemente comprarsi una bicicletta.
    Se lo cerchi su internet. trovo il parallelo interessante..

    PS : Wajda impara a memoria centianaia di sourate del Corano per riuscire il concorso di religione e con il premio comprarsi la desiderata bicicletta. Quando la maestra di dottrina in chador nero gli chede cosa farà con i soldi Wajda raggiante fà “mi comprero una bicicletta”. Ma no dice la maestra di dottrina, donerai il prmeio per aiutare i bambini palestinesi che sono sotto l’oprressione d’Israele”. Wajda crolla in lacrime e la mamma deve portarla via per evitare ulteriori scandali.
    La madre gli comprerà la bici. E il film finisce con Wajda che pedala oltre i confini del suo quartiere.

Lascia un commento