Amal–Speranza, la nave delle donne

02-US-boat-@Kevin-Neish-852x480

di Maria G. Di Rienzo*

La Nave delle Donne per Gaza, un progetto della “Freedom Flotilla Coalition” (coalizione composta da organizzazioni della società civile di diversi paesi) spiegherà le vele da Barcellona verso la Palestina il 14 settembre prossimo.

La Nave si chiama “Amal – Speranza” e trasporterà un gruppo di donne che hanno in mente di sfidare l’illegale assedio di Gaza, fra cui la Premio Nobel per la Pace Mairead Corrigan Maguire (che aveva già tentato di forzare il blocco nel 2010, con il vascello irlandese intitolato a Rachel Corrie); la drammaturga e poeta Naomi Wallace (che ha già fatto la stessa cosa, ed è finita in prigione, quando viaggiare dagli Stati Uniti a Cuba era proibito); Marama Davidson, donna politica neozelandese ambientalista e attivista per i diritti umani; Gerd von der Lippe, docente, giornalista e femminista norvegese che è da anni un’esperta sul campo della situazione palestinese.

La partenza da Barcellona ha elementi simbolici, poiché la città è gemellata con Gaza dal 1998 e nel 2005 a Gaza fu inaugurato “il Parco Barcellona della Pace” (distrutto dall’esercito israeliano nel 2009, fu ricostruito l’anno successivo). Allo stesso modo l’intenzione di costituire una flotta di navi “femminili”, di cui “Amal – Speranza” sarebbe solo la capostipite, mira a “sottolineare l’indomabile spirito delle donne palestinesi, che sono al centro delle lotte a Gaza, nella West Bank, all’interno della Linea Verde e nella diaspora”.

Gaza è bloccata da dieci anni, durante i quali ha subito innumerevoli attacchi e bombardamenti che hanno trasformato la vita della sua popolazione in un incubo. Perciò, dicono le organizzatrici, “tramite le missioni marittime di questo tipo portiamo attenzione internazionale alla loro sofferenza e alla loro resistenza. Non solo vogliamo sfidare l’assedio, ma anche portare solidarietà e un messaggio di speranza al popolo palestinese. Con il sostegno delle donne, degli uomini, delle organizzazioni non governative, dei gruppi della società civile e dei collettivi femministi in tutto il mondo, noi faremo accadere questo.”

Il programma a Barcellona è il seguente:

Lunedì 12 settembre 2016: Musica e festa al porto.

Martedì 13 settembre 2016: Seminari sulla resistenza nonviolenta, conferenzieri locali e tour delle navi.

Mercoledì 14 settembre 2016: Cerimonia di saluto e partenza.

La Nave delle Donne farà scalo in diversi porti del Mediterraneo occidentale prima di raggiungere Gaza il 1° ottobre.

.

* Giornalista, formatrice, regista teatrale femminista cura il prezioso blog lunanuvola (dove è apparso questo articolo, con il titolo originale completo “La nave delle donne”, la cui pubblicazione su Comune è autorizzata con piacere dall’autrice)

Tags:, , , , , ,

Nessun commento

Lascia un commento