Ho tante domande e nessuna risposta

igd_70ce4eab28db2e980d7bf4847b80805e-1024x560

di Laura Fano

Comincio ad essere allergica ai social network e alla loro superficialità. Mi urta terribilmente la facilità con cui tutto è riconducibile a un like, l’arroganza di posizioni difese ad oltranza, la superficialità di opinioni formatesi solo sulla base di tweet letti. Soprattutto quando questa superficialità stride con argomenti complessi e delicati che dovrebbero essere pensati, discussi e analizzati a fondo. Mi sento a disagio quando vedo tanti amici e conoscenti esprimere opinioni del tutto favorevoli alla gestazione per altri senza che si siano posti domande importanti.

Mi sento a disagio quando queste posizioni sembrano far parte di un conformismo per cui essere favorevole significa stare con la modernità e il progressimo e essere contrari equivarrebbe a essere omofobi e pensarla come Formigoni o Giovanardi, e concordo che questo è davvero un pensiero spaventoso. Mi sento a disagio perché da giorni sto dibattendo intensamente con me stessa, sto leggendo tutto ciò che possa aiutarmi ad avere un’opinione critica e informata. Eppure anche così non ci riesco. Più leggo più ho dubbi, ma su Facebook non c’è spazio per i dubbi.

ARTICOLI CORRELATI
Uteri ambulanti 
a cura di Maria G. Di Rienzo

Ovviamente mi sento a disagio anche quando sento Formigoni dire di preoccuparsi per lo sfruttamento delle donne del sud del mondo, perché quelle dovrebbero essere le mie preoccupazioni e non le sue. Lui che non ha mai difeso le donne qui in Italia, perché mai dovrebbe preoccuparsi di donne di paesi che probabilmente non sa neanche localizzare? La sua è ovviamente una mera strumentalizzazione della donna per ostacolare la genitorialità gay. Io però, che di donne del sud del mondo mi sono occupata per studio e per lavoro, credo che dovrei pormi il problema del loro sfruttamento.

surrogata_1629377

Comunque, su questo punto sembrano essere tutti d’accordo. Se si usa una povera donna indiana è sfruttamento. Ma per molti va benissimo se invece si usa una donna della classe media statunitense o canadese. Io invece ho dei dubbi.  È davvero cosi facile tracciare linee di confine tra la scelta e il bisogno? Se una donna statunitense con quattro figli si offre come surrogata per pagare l’istruzione di quei figli, istruzione che negli Stati Uniti è privata e costosa, non si tratta comunque di un bisogno economico? È veramente una scelta, libera e non condizionata?

Il fatto che in California e in Canada la gestazione per altri esiste da anni viene sempre usato come argomento per giustificarla. Vuol dire che è giusta solo perché alcuni paesi hanno scelto di legalizzarla? La gestione per altri non è vietata solo in Italia, dove ormai concordo che sia tornato il medioevo, ma anche in tanti altri paesi, per esempio la civilissima Finlandia, dove però sono permesse le civilissime adozioni gay.

Ma è sulla gestazione per altri altruistica che ho i dubbi più forti. Se è vero che ogni donna vive la maternità e la gravidanza in modo diverso, non riesco a concepire che si possa provare tanto amore per una coppia di sconosciuti, come molte surrogate affermano di provare, e nessun amore nei confronti di un bambino che hanno sentito crescere dentro di sé. Il solo fatto che si scelga di usare la parola amore per definire questa situazione credo che dovrebbe spingerci ad una riflessione.

Ho dubbi anche per quanto riguarda il bambino. Sono convinta che un bambino possa crescere benissimo con due genitori non biologici, siano essi un padre e una madre, due padri o due madri. È il prima che mi preoccupa. Il processo contrattuale con cui si è deciso di far nascere questo bambino e il momento in cui a quel bambino ciò verrà spiegato. Ho amici e parenti adottati e so che ognuno di loro in qualche modo si è sempre portato dentro il trauma dell’abbandono. Come facciamo a pensare che un figlio nato con la gestazione per altri accetti tranquillamente il fatto che la madre biologica lo abbia ceduto senza alcun sentimento e ripensamento? La cosa che poi mi lascia perplessa è che spesso persone che criticano la medicalizzazione del parto (a mio avviso, una grande conquista dell’umanità, grazie alla quale quasi più nessuna donna nell’occidente muore nel partorire) sono proprio quelle che appoggiano acriticamente la totale medicalizzazione del concepimento e della gestazione.

papà-540x280

Insomma, dopo tanto riflettere, leggere e discutere, non sono riuscita ancora a fugare i miei dubbi. Ho tante domande e nessuna risposta. Mi piacerebbe avere instillato qualche dubbio anche in coloro che senza tante riflessioni prendono una posizione e che contribuiscono a quel rumore assillante sui social network. E che si pongano qualche domanda, non necessariamente le mie, ma qualche domanda.

 

 

* Laura Fano è antropologa sociale, attivista e mamma. Ha lavorato per quindici anni nel settore della cooperazione internazionale, lavorando e vivendo sia Europa che in America latina. In libreria il suo libro “Invisibili? Donne latinoamericane contro il neoliberismo” (Ediesse, 2014).
Questa l’adesione di Laura alla campagna Facciamo Comune insieme:
Esistono già mondi diversi 
Aderisco con passione ed entusiasmo alla campagna di Comune perché rappresenta il mio angolo di speranza, in un mondo che sembra farsi sempre piu nero e triste. Speranza nel leggere notizie positive, vere, dal basso, impossibili da trovare in qualunque altro mezzo di informazione; speranza nel capire che esistono già tanti mondi diversi, belli, colorati e resistenti; speranza nel poter scrivere liberamente delle mie lotte e riflessioni e contribuire a fare Comune insieme. Voglio che Comune continui ancora per molto molto tempo, perché se non riuscirò a consegnare alle mie figlie un mondo migliore, so che almeno quel mondo migliore potranno leggerlo!

 

 

 

Tags:, , , , , ,

3 Risposte a “Ho tante domande e nessuna risposta”

  1. giuliana maldini
    5 marzo 2016 at 10:20 #

    condivido completamente tutto quello che dice Laura Fano

  2. Alessandra
    5 marzo 2016 at 16:45 #

    mercificazione dell’utero = amore per il vil denaro

  3. Roberto Renzoni
    10 marzo 2016 at 12:58 #

    Queste maternità su mandato mi paiono delle cose tipiche della barbarie nella quale siamo caduti e da un bel pezzo. Con milioni di bambini abbandonati e che vivono in strada, negli orfanotrofi ed altro che bisogno c’è di ricorrere ad una gravidanza su incarico? Chi voglia, desideri avere un bambino e chiunque sia il suo partner o non ci sia partner lo abbia ricorrendo a quanto già esiste di vivente senza coinvolgimenti di terzi che comunque sarebbero traumatici.

Lascia un commento