C’è un solo modo per fermare le stragi

10955332_10208652622655923_8836427925906050607_n

Parole di pace: Bruxelles, poche ore dopo la strage del 22 marzo 2016

di Peppe Sini*

Le stragi che martedì hanno insanguinato Bruxelles ci colmano di orrore e di terrore, di lacrime e lutto, di un muto sgomento e di un dolore insostenibile. Ma questo ennesimo abominevole crimine deve anche aprirci gli occhi, il cuore, la mente. Ad esso occorre rispondere con la forza della verità, della ragione, dell’umanità.

La morte di massa che i criminali terroristi portano nel cuore dell’Europa è tragicamente la stessa morte di massa che da decenni le armate legali dei governi occidentali e dei loro sanguinari complici e sicari regionali, e i prodotti letali dei mercanti di armi, spargono nel vicino e nel medio oriente; e le organizzazioni terroristiche che ora portano nelle nostre città europee un diluvio di sangue sono state allevate dai nostri governi, dalle nostre guerre, dalle nostre armi, e la politica del terrore globale dei poteri imperiali riproducono specularmente sulla scala ad esse accessibile.

Come ci si poteva illudere che quelle guerre non avrebbero raggiunto anche le nostre case?

ARTICOLI CORRELATI
Quel fazzoletto di terra ferita
 Alain Goussot
Terroristi, civili e patriarcato Michael Zezima 
Noi, gli altri, la pauda, la fobia dell’Islam Santiago Alba Rico
Il demonio, il suicidio e la guerra Franco Berardi Bifo
Un mondo a male zero. I bambini della 4C 

Come ci si poteva illudere che i terroristi colà finanziati, armati e addestrati dalle potenze occidentali e dai loro complici regionali non avrebbero prima o poi esteso il loro campo d’azione da quelle terre alle nostre?

Come ci si poteva illudere di essere in un’isola felice, in una campana di vetro, in una torre d’avorio, in una fortezza inespugnabile, quando le tecnologie hanno unificato il mondo e le armi di sterminio sono a disposizione di tutte le mafie così come dell’uomo più solo, più stolto e più disperato? mentre milioni e milioni di esseri umani, già oggi vittime delle guerre e della fame, del terrore e delle devastazioni, delle dittature e della schiavitù, hanno perso ogni loro bene e sono costretti a fuggire attraverso deserti e mari, attraverso paesi e continenti, affrontando la morte – e sovente alla morte soccombendo quando ormai la meta agognata sembrava vicina -, perché i governi dei paesi europei negano loro il primo di tutti i diritti: il diritto a salvare la propria vita, rifiutando ad essi l’approdo in un luogo in cui vivere in pace?

C’è un solo modo per fermare le stragi: cessare di commetterle e di favoreggiarle. C’è un solo modo per sconfiggere il terrorismo: scegliere la nonviolenza. Occorre una immediata politica di disarmo e di proibizione assoluta di produrre, commerciare e detenere armi. Occorre una immediata politica di smilitarizzazione dei conflitti e di intervento umanitario non armato e nonviolento per salvare tutte le vite. Occorre contrastare il militarismo, il razzismo e il maschilismo: che sono le reali basi ideologiche e i modelli comportamentali del terrorismo stragista e schiavista…

L’Italia decida di contrastare le guerre e le stragi, con la drastica riduzione delle spese militari e l’avvio della Difesa popolare nonviolenta e dei Corpi civili di pace, con gli aiuti umanitari ovunque occorrano, con la cessazione immediata della produzione armiera, con la denuncia e l’impegno per lo scioglimento delle alleanze militari terroriste e stragiste (come la Nato), e convochi l’Unione europea a fare altrettanto. L’Italia decida di lottare davvero contro il razzismo, accogliendo tutti i profughi e garantendo loro un servizio di trasporto pubblico e gratuito che consenta a tutte le persone l’ingresso in Italia in modo legale e sicuro – e convochi l’Unione europea a fare altrettanto. L’Italia decida di lottare davvero contro il maschilismo, innanzitutto applicando pienamente la Convenzione di Istanbul e sostenendo i centri antiviolenza delle donne, e convochi l’Unione europea a fare altrettanto. Alla violenza occorre opporre la nonviolenza.

All’odio che uccide occorre opporre la solidarietà che salva. Alla barbarie che disumanizza occorre opporre la civiltà che affratella e assorella. Al male occorre opporre il bene. Ogni vittima ha il volto di Abele. Vi è una sola umanità.

 

* responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo (per ricevere la newsletter del Centro: nbawac@tin.it)
APPUNTAMENTI

Sono previste manifestazioni in molte città italiane per esprimere solidarietà e vicinanza a tutti coloro che sono stati colpiti dalle bombe di Bruxelles e pergridare No a guerra e terrorismo:

● Firenze, martedì ore 18,30 davanti al Consolato Belga, Via dei Servi 28
● Milano, martedì ore 17 Duomo
● Roma, martedì ore 18.30 Ambasciata Belga Via dei Monti Parioli 49
● Trento, martedì ore 18 in Piazza Duomo
● Torino, martedì ore 18 in Piazza di Città
● Bologna, mercoledì ore 18,30 Consolato Belga
● Bolzano, mercoledì ore 18 in Piazza Adriano

Tags:, , , , ,

Iscriviti e seguici

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti.

3 Risposte a “C’è un solo modo per fermare le stragi”

  1. Vlad
    23 marzo 2016 at 21:44 #

    la solita retorica terzomondista, io mi chiedo se quelli che pensano che l’occidente sia uguale ai terroristi siano disposti a trasferirsi nei territori governati dall’Isis..tanto la violenza è la stessa, no?

  2. 4 aprile 2016 at 00:31 #

    GLI ATTACCHI SUICIDI E LE RAPPRESAGLIE NASCONO DA MIGLIAIA DI CASI NON DISSIMILI DA QUESTO CHE VI CONSIGLIO VIVAMENTE DI VISIONARE,L’OCCIDENTE E’ LA GENESI DI QUESTO MALE,IN ANALOGIA BIBLICA DEL
    “MUOIA SANSONE CON TUTTI I FILISTEI”

    https://www.facebook.com/hayatoki/videos/1236509283031782/

Trackbacks/Pingbacks

  1. BLOG : La voce di quasi tutti - 23 marzo 2016

    […] Le stragi che martedì hanno insanguinato Bruxelles ci colmano di orrore e di terrore, di lacrime e lutto, di un muto sgomento e di un dolore insostenibile. Ma questo ennesimo abominevole crimine deve anche aprirci gli occhi, il cuore, la mente. Ad esso occorre rispondere con la forza della verità, della ragione, dell’umanità […] […]

Lascia un commento