La scuola non è un rifiuto

Ogni giorno un ministro o un sottosegretario si sveglia e annuncia cosa farà per bruciare i rifiuti oppure come stravolgerà la scuola. A volte confonde i rifiuti con la scuola. Ma dimentica una cosa: la scuola non appartiene ai governi ma a chi la fa.

ro

di Rosaria Gasparro*

“Gentile Sottosegretario Roberto Reggi,

leggo che lei ama la vita all’aria aperta, la montagna, il cicloturismo, e che pratica diverse attività sportive.Vengo a conoscenza che per il suo impegno sociale, nel 2003, è stato nominato “Difensore ideale dei bambini”, dall’Unicef di Piacenza. E che il suo impegno, prima della politica, si è caratterizzato nel mondo dell’educazione. Non mi spiego pertanto la natura e la tempistica del decreto legge a cui sta lavorando. Difende i bambini tenendoli a scuola nel mese di luglio, che qui in Puglia, dove vivo e insegno, può raggiungere anche temperature di 40°? Se lei frequenta l’infanzia e conosce il mondo della scuola, come pensa di tenere i bambini in aule bollenti, in edifici che non hanno nemmeno un piccolo arbusto per fare l’ombra ad un formicaio? Lo sa che la maggior parte delle scuole non ha spazi adeguati né al chiuso né all’aperto per svolgere laboratori e attività ludiche? Che a scuola noi maestri compriamo anche il pennarello per scrivere alla lavagna? Che l’ombra non c’è, nemmeno quella del materiale didattico o di facile consumo?

ro2

Cosa ne sa lei – che come formazione è laureato in Ingegneria elettrotecnica – del lavoro di un insegnante, che non si risolve nelle ore di insegnamento ma si espleta per almeno altrettante ore in attività di preparazione dei materiali, di ricerca e di studio, nonché di correzione degli elaborati degli alunni?

Lei avrà i suoi meriti nel settore che le è proprio e pertanto è diventato responsabile dell’ottimizzazione della produzione idroelettrica di Edipower, la seconda società italiana nel settore della produzione di energia elettrica. Noi a Brindisi abbiamo già una storia difficile con la società che lei rappresenta, che ha contribuito con le sue emissioni a creare uno stato di emergenza sanitaria e che adesso vorrebbe pure bruciarci i rifiuti. Le chiedo pertanto di non apportarci un ulteriore danno e di non bruciare la scuola come un rifiuto speciale, con logiche che la snaturano e la modificano geneticamente.

ro3

La scuola non appartiene a Lei, né al suo ministro, né a questo governo, ma appartiene prima di tutti a chi la scuola la fa, la vive e la frequenta – quindi bambini, studenti, genitori, insegnanti – che non sono maggioranze che passano ma che restano e che sono stanche di subire sulla propria pelle l’approssimazione, la superficialità e la protervia di chi pretende di decidere del loro futuro, senza conoscerne il quotidiano presente.

Si metta al servizio, faccia pratica di ascolto dei lavoratori della scuola; questa è l’accezione che ci piace del potere inteso come verbo servile che transita e aiuta.

Buona estate”.

 

 

* Maestra di una scuola primaria pubblica, vive a San Michele Salentino (Brindisi). Altri suoi articoli sono qui.

L’adesione di Rosaria alla campagna di Comune-info “Ribellarsi facendo”

 

DA LEGGERE

Facciamo crescere una scuola diversa

| 8 giugno 2014 | 4 Commenti

Insegnanti, studenti, genitori: una legge di iniziativa popolare

Non è più la mia scuola. Non ci sto

| 4 giugno 2014 | 12 Commenti

Le riforme della scuola? Scellerate scelte politico economiche

Che i bambini restino bambini

| 25 maggio 2014 | 38 Commenti

Il ministro dell’istruzione Stefania Giannini vuole anticipare a cinque anni il percorso scolastico. La domanda è: ci bruciamo l’infanzia per andare dove? Smettiamola con il mito tossico del “prima”

 

Tags:,

Trackbacks/Pingbacks

  1. La scuola non è un rifiuto | Associazioni Riunite - 3 luglio 2014

    […] Vengo a conoscenza che per il suo impegno sociale, nel 2003, è stato nominato “Difensore ideale dei bambini”, dall’Unicef di Piacenza. E che il suo impegno, prima della politica, si è caratterizzato nel mondo dell’educazione. Non mi spiego pertanto la natura e la tempistica del decreto legge a cui sta lavorando. Difende i bambini tenendoli a scuola nel mese di luglio, che qui in Puglia, dove vivo e insegno, può raggiungere anche temperature di 40°? Se lei frequenta l’infanzia e conosce il mondo della scuola, come pensa di tenere i bambini in aule bollenti, in edifici che non hanno nemmeno un piccolo arbusto per fare l’ombra ad un formicaio? Lo sa che la maggior parte delle scuole non ha spazi adeguati né al chiuso né all’aperto per svolgere laboratori e attività ludiche? Che a scuola noi maestri compriamo anche il pennarello per scrivere alla lavagna? Che l’ombra non c’è, nemmeno quella del materiale didattico o di facile consumo? … continua […]

  2. BLOG : La voce di quasi tutti - 4 luglio 2014

    […] “Gentile Sottosegretario Roberto Reggi, leggo che lei ama la vita all’aria aperta, la montagna, il cicloturismo, e che pratica diverse attività sportive.Vengo a conoscenza che per il suo impegno sociale, nel 2003, è stato nominato “Difensore ideale dei bambini […]

Lascia un commento