Cantieri di utilità comune

10500511_576677925785606_3289896796294624776_n

Nel 1914, Francesco Zanardi aiutò i cittadini a sopravvivere alla prima guerra mondiale, nel 2014 il Comune promuove interventi per contrastare le nuove forme di povertà ed esclusione sociale che sempre più colpiscono anche i cittadini bolognesi. “‘Case Zanardi’, sette spazi materiali per un totale di 11 ‘case’ (alcuni progetti sono trasversali), coinvolge più di cento realtà del Terzo settore, tra associazioni, cooperative, organizzazioni di volontariato e Università …

Sono circa 200 i volontari già impegnati”, spiega Berardino Cocchianella, direttore dell’Istituzione per l’inclusione sociale. Così, grazie a 500.000 euro dal Fondo comunale anticrisi del 2013, sono stati attivati cantieri di utilità comune, laboratori di riuso e riciclo, orti e vivai urbani, percorsi di formazione, tirocinio e inserimento lavorativo (circa 300), oltre ai cosiddetti market solidali, punti di smistamento e raccolta di generi alimentari: in via Agucchi (per il progetto ‘A Pescarola’), via Abba (‘Gallina vecchia’), via Barozzi (‘Banco di solidarietà), via Capo di Lucca (dal prossimo autunno).

10444618_566044156848983_7647373654858524483_n

Quattro i quartieri bolognesi coinvolti – Navile, San Donato, San Vitale, Savena – che accolgono un numero crescente di famiglie che chiedono aiuti temporanei; chiamati a fare i conti con un’alta dispersione scolastica, che tra primo e secondo anno delle superiori arriva al 17 per cento. Dilagante anche il problema degli over cinquanta che faticano a trovare impiego e dei working poor, lavoratori con stipendi così bassi da non bastare per vivere.

“Lavoriamo per valorizzare le risorse materiali e umane presenti sul territorio, all’insegna del contrasto allo spreco di beni, lavoro e relazioni, che chiama alla partecipazione anche i singoli cittadini con campagne mirate di crowdfunding e reclutamento dei volontari”, racconta Cocchianella. Qualche esempio? Il centro Zanardi ‘A Pescarola’ prevede percorsi di inclusione sociale e lavorativa per donne di altre culture e interventi di riqualificazione degli spazi comuni, oltre che l’emporio alimentare. Il progetto ‘Bio-social’ in zona Roveri mira a coinvolgere attivamente le fasce deboli della popolazione in percorsi di transizione al lavoro e all’auto-imprenditorialita’ attraverso la coltivazione su uno spazio ortivo multifunzionale; la produzione, grazie alla creazione di una cucina ‘ECO.nomica’ e la distribuzione, attraverso un catering multietnico.

10357251_569047746548624_15643678909233645_n

Il progetto ‘Terra Verde’ si propone di formare giovani dai diciassette ai venticinque anni in maniera innovativa: in una scuola cantiere. Prevede, infatti, un intervento di arredo urbano in un’area verde da riqualificare, vicino al percorso naturalistico del Navile e gli insediamenti artigianali in disuso. In zona Pilastro, l’idea è quella di creare uno spazio informativo e una sezione della biblioteca del Centro documentazione handicap dedicata ai libri accessibili. In cantiere, anche il progetto dell’officina collettiva dove progettare e costruire riscio’ utilizzando materiali da riciclo. Al momento, ancora si è alla ricerca  dell’individuazione del locale adatto. I progetti Case Zanardi saranno presentati sabato a partire dalle 9.30 in via Capo di Lucca 37 (fonte Dires/Redattore sociale / riunite.eu).

 

Infornazioni: www.casezanardi.it

DA VEDERE
Immagine anteprima YouTube

Tags:, , , , , ,

Trackbacks/Pingbacks

  1. Cantieri di utilità comune | | IL MONDO DEL BOSCO. Guardalo, sussurra e...pensa. - 9 luglio 2014

    […] viaCantieri di utilità comune |. […]

Lascia un commento