La mia strada, la mia scuola

I bambini e i genitori del gruppo MuovitiOttavo festeggiano insieme il primo anno di attività al’ingresso della scuola elementare Cesare Battisti, a Garbatella (Roma). Insieme alla rete Slurp, con il bicipedibus ridisegnano e ricolorano il territorio

 10262055_1479761398907357_9211220075482369953_n

Per tutto l’anno scolastico il Laboratorio territoriale “MuovitiOttavo” ha organizzato il Pedibus e il Bicibus con i bambini del Municipio VIII del Comune di Roma. Il gran finale, giovedì 5 giugno, insieme alla Rete Slurp (Spazi Ludici Urbani a Responsabilità Partecipata) fuori dalla scuola elementare Cesare Battisti, nel cuore di Garbatella.

L’ultima sfida, ridisegnare le aree davanti alle scuole, liberarle dai mezzi privati, in sosta e in movimento. Così si sono alzati molto presto per disegnare il gioco della campana, collegando l’entrata della scuola alla piazza pedonale e far capire che quell’area è dei bambini, per i bambini, le insegnanti e i genitori. Una mattinata di festa con palloncini, cartelli, tanto colore, un disegno dei piccoli studenti e una frase su uno striscione che racchiude in sé l’essenza del progetto: “Di chi è la strada? È la mia strada. Di chi è la piazza? È  la mia piazza. Di chi è la scuola?  È la mia scuola”.

Il percorso proposto da “MuovitiOttavo” durante l’anno ha coinvolto anche genitori e insegnanti in tavole rotonde e incontri pubblici anche con il municipio, esperti e altre realtà italiane. Insomma, a scuola si va insieme e ci si va a piedi o in bicicletta, con i compagni di scuola, al massimo qualche genitore volontario accompagnatore.

Un articolo su questa bella esperienza è leggibile su Core on line.

DA VEDERE

La festa finale in strada:

DA LEGGERE

Il sogno dei bambini: il bicibus

Niente bus a benzina: a scuola in bicicletta. Cercate altri sette compagni

Camminare insieme

Camminare è andarsene lontano, poco importa dove, osare il cambiamento. E’ rendere città e paesi più amichevoli, ricostruire relazioni sociali, vivere bene. Alcune proposte per moltiplicare l’arte del camminare

Il Rione dei giochi

Per costruire città a misura di bambino e sperimentare una mobilità diversa bastano qualche pallone, delle reti, alcuni canestri e molti gessi. L’11 maggio nel centro di Roma c’è una festa per grandi e piccoli alle prese con uno sport pericoloso: cambiare la città

Pedoni, pedali e pendolari

Sabato 4 maggio Milano ha visto famiglie, adulti, anziani, bambini e bambine in bicicletta e a piedi cambiare strada insieme. L’approvazione di una legge per una mobilità nuova, scritta dal basso, sarà soltanto una delle conseguenze di un cambiamento enorme

 

Tags:, , ,

Nessun commento

Lascia un commento