Che bella la scuola senza banchi

Dove siete?

Tre ore di cammino a passo lento, alla scoperta di vecchie contrade, faggi, maggiociondoli e marmotte. E una visita alla malga per riconoscere gli attrezzi utilizzati un tempo per fare latte e ricotte

10333481_10203088280601486_535397230802147473_o

di Luciana Bertinato*

Lunedì (12 naggio) zainetto in spalla e … tre ore di cammino, a passi lenti intervallati da soste per qualche spuntino, sui sentieri della Lessinia in località Campofontana (provincia di Verona). Una passeggiata alla scoperta di vecchie contrade, alberi e animali (bellissime le piccole marmotte), suoni e rumori del bosco. Ad accompagnarci i nostri amici de “La foglia e il vento” (associazione e centro culturale impegnato su didattica ambientale e sulla cultura ludica legata al Museo del Gioco di Soave). Il percorso si è snodato tra boschi di faggi, abeti, maggiociondoli e prati punteggiati di mucche al pascolo, fino a raggiungere malga Lobbia.

be

Lassù ci ha raggiunto Elio, il “malgaro”, raccontandoci la vita dell’alpeggio di ieri e di oggi. Con lui i bambini hanno visitato la malga e visto gli vecchi attrezzi utilizzati un tempo per la produzione di latte, formaggio e ricotta. Al ritorno ci siamo fermati in contrada Casara, dove tutta la famiglia Boracia era al lavoro. Non potevamo rientrare a casa senza assaggiare lo squisito “monte veronese” e la ricotta con la marmellata di more.

Che bella la scuola senza banchi.

 

* Luciana Bertinato ogni giorno in bicicletta raggiunge ventidue bambini e bambine, in una classe seconda a tempo pieno, alla Primaria “I. Nievo” di Soave (Verona), ma spesso le lezioni non si svolgono tra i banchi. Dal 1995 fa parte della “Casa delle Arti e del Gioco”, fondata da Mario Lodi a Drizzona (Cremona), che promuove corsi di formazione per insegnanti e laboratori creativi per bambini. Altri suoi articoli sono qui.

.

DA LEGGERE

La montagna torna a vivere

Pastori, contadini, genitori, maestri: ecco chi ha scelto di riabitare le Alpi

La gioia di educare. Il maestro Zavalloni

| Per una scuola che sappia riscoprire manualità e contatto con la terra

Ci vorrebbe un orto in ogni scuola

Realizzare nel cortile di una scuola un orto biologico, dove i ragazzini possono unire i saperi scientifici, storici e geografici al lavoro manuale, vuol dire tornare a usare le mani per scoprire il mondo

La scuola nella fattoria

Milano: orti e animali nella didattica della Rinnovata Pizzigoni

Senza cattedra, zaino e voti

Ripensare la scuola mettendo al centro autonomia e codivisione

Una scuola terra terra

| Abbiamo allontanato i bambini dagli alberi, dagli animali, dalle nuvole. Non hanno più la terra sotto i piedi. Hanno paura di sporcarsi col fango, diventano allergici ai pollini e ai gatti. Per fortuna c’è chi fa scuola fuori e chi porta la natura a scuola

Tags:, , ,

Trackbacks/Pingbacks

  1. BLOG : La voce di quasi tutti - 15 maggio 2014

    […] Zainetto in spalla e … tre ore di cammino, a passi lenti intervallati da soste per qualche spuntino, sui sentieri della Lessinia in località Campofontana (provincia di Verona). Una passeggiata alla scoperta di vecchie contrade, […] […]

  2. BLOG : La voce di quasi tutti - 2 settembre 2015

    […] Tre ore di cammino a passo lento, alla scoperta di vecchie contrade, faggi, maggiociondoli e marmotte. E una visita alla malga per riconoscere gli attrezzi utilizzati un tempo per fare latte e ricotte […] […]

Lascia un commento