Senza cattedra, zaino e voti

 bambini

Solo la merenda e un paio di quaderni per i compiti: lo zaino ha un peso piuma alla scuola primaria di Classe dell’Emilia Romagna. La mattina, quando si arriva, ci si siede nell’agorà e si discute di quello che si farà durante la giornata. La cattedra, nelle aule, non c’è. E nemmeno i banchi. Ci sono i tavoli, isole per gruppi di alunni. Qui, infatti, la condivisione è tutto. E il lavoro di gruppo è di casa. Ma perché un progetto così innovativo attecchisce in una scuola del forese, nella minuscola Classe a pochi chilometri da Ravenna?

Merito di Rita Gentili, un’insegnante illuminata che dopo essersi innamorata, aver proposto ed essere riuscita ad ottenere di aderire alla rete nazionale “Senza Zaino” – partita da Marco Orsi, dirigente scolastico di Lucca – non tornerebbe più indietro: no, la scuola tradizionale mai più.

La storia che l’insegnante racconta a romagnamamma.it inizia sei anni fa, quando in attesa della realizzazione del nuovo plesso scolastico, Rita partecipa a un corso di formazione dedicato all’organizzazione degli spazi. Ed è lì, a Bologna, che conosce Orsi, venendo a conoscenza del metodo da lui lanciato sull’onda di alcune esperienze scolastiche in Nord Europa. Quando torna a casa, si catapulta dalle colleghe: “Chiesi loro se fossero disposte a cambiare approccio, a studiare, a mettersi in gioco. E loro non esitarono a dirmi di sì. Così partì la nostra avventura”. Complessa, visto che il primo anno dopo l’avvio del progetto viene dedicato per intero alla formazione del corpo insegnanti. Le maestre di Classe si appassionano a tal punto da dare indicazioni precise al Comune per la costruzione e l’arredamento della aule.

Sì, perché Senza Zaino significa anche arredi molto diversi da quelli che vediamo normalmente in una scuola. Significa i tappeti con le sedute che caratterizzano l’agorà dove ci si dà il buongiorno, significa pareti colorate come se le classi fossero camerette, significa una cartellonistica particolare per fissare gli apprendimenti. Significa, anche, laboratori: di italiano, di matematica.

Il tutto per agevolare un metodo didattico alternativo, diverso: “Senza Zaino considera il bambino nella sua globalità e cerca di attivare tutte le intelligenze possibili affinché ognuno trovi la sua strada per crescere. Senza Zaino è una scuola accogliente e condivisa: i materiali sono tutti a disposizione e lo spirito è quello di una comunità”. Le regole, infatti, non vengono decise e imposte dall’alto ma discusse e poi scritte insieme ai bambini. Nel caso non funzionino, vengono ritrattate e cambiate. Dietro, c’è uno stile pedagogico montessoriano: “Per andare in bagno, non c’è bisogno di chiederlo. I bambini, senza disturbare, si alzano e ci vanno in tutta autonomia”.

strumentiL’autonomia è infatti il risultato più importante del metodo adottato da Classe: “I bambini imparano ad organizzarsi, a fare da soli. Diventano responsabili. Un esempio? Se un alunno ha difficoltà con le ‘c’ e le ‘q’, prende una scheda di auto-verifica e si esercita. Ha tutta la libertà per farlo”. L’insegnante, dal canto suo, gira tra i tavoli su una sedia a ruote, non giudica i bambini con un voto numerico se non sul registro, e con la classe costruisce giochi didattici unici, che poi passeranno in eredità alle classi successive.

Al momento, a Classe, sono sei le sezioni “Senza zaino”: le prime, le seconde e le terze. Tra due anni, la scuola sarà interamente a regime. Tutta “Senza zaino”. E i genitori? “Alcuni obiettano che lavorare sempre insieme non aiuta i bambini a fare da soli. Noi rispondiamo che innanzitutto non sempre il lavoro è collettivo, capita anche che sia individuale. E poi vedessero come i bambini imparano dal compagno. E alle medie avranno una marcia in più, capaci come saranno di cooperare”.

 

Fonte: retenews24.it

DA VEDERE
DA LEGGERE

Una scuola terra terra

Abbiamo allontanato i bambini dagli alberi, dagli animali, dalle nuvole. Non hanno più la terra sotto i piedi. Hanno paura di sporcarsi col fango, diventano allergici ai pollini e ai gatti. Per fortuna c’è chi fa scuola fuori e chi porta la natura a scuola

Il banco dei bambini

“Non nasciamo uguali ma nei banchi lo diventiamo. Dal banco ci passiamo tutti, è una bella finestra per affacciarci sull’altro e sul mondo. Serve cambiare posto spesso, per cambiare il punto di vista”

Un’idea diversa di educazione

| Un documentario discusso in tutto il mondo: trasformiamo l’apprendimento

No Sav, Scuola ad alta velocità

| Proposte per una scuola nuova. La prima? Rallentare e volare in alto

Annodi, pensi, giochi e smonti

| Apprendere in un bosco tra creatività, condivisione e corde

La scuola della terra

| Pane e olio a merenda, orto-sinergico, recupero dei saperi: accade nel salernitano

Fare scuola nel bosco

| Apprendere ogni giorno tra alberi, neve, prati, sentieri. Accade in diversi paesi

Città e scuole senza orologi

| Città e bambini: il cambiamento è prima di tutto riappropriazione del tempo

Ci vuole il tempo che ci vuole A scuola i bambini dovrebbero rallentare, tra allegria e cooperazione

Sediamoci in cerchio per terra “Chi sa piantare un bel cavolo nell’orto?”. Ascoltiamo le risposte dei bambini

Tags:,

6 Risposte a “Senza cattedra, zaino e voti”

  1. Nelita
    24 aprile 2014 at 12:40 #

    Spero un giorno tornare ad avere lezioni “seduti sotto l’ombra degli alberi” comé hanno avuto i grandi filosofi greci.

Trackbacks/Pingbacks

  1. BLOG : La voce di quasi tutti - 12 aprile 2014

    […] Solo la merenda e un paio di quaderni per i compiti: lo zaino ha un peso piuma alla scuola primaria di Classe dell’Emilia Romagna. La mattina, quando si arriva, ci si siede nell’agorà e si discute di quello che si farà […] […]

  2. Daniele Dallorto Senza cattedra, zaino e voti » Daniele Dallorto - 25 aprile 2014

    […] on comune-info.net VN:F [1.9.22_1171] please wait… Rating: 0.0/10 (0 votes cast) VN:F […]

  3. BLOG : La voce di quasi tutti - 14 novembre 2014

    […] Ai bambini piace parlare delle proprie cose e di quelle dei grandi, di cose da niente e di cose difficili e serie. Ai bambini piace confrontarsi e confortarsi a modo loro cercando e creando le parole per dare forma ai pensieri. Alzano le mani, impazienti di dire; alzano la voce per farsi sentire e pian piano la attenuano, trovano il tono giusto, il timbro morbido di chi inizia ad ascoltare. […] […]

  4. BLOG : La voce di quasi tutti - 16 dicembre 2014

    […] LETTERA A BABBO NATALE Caro Babbo Natale, sono un bambino dislessico**. Sto dettando questa letterina a una persona che mi presta la sua mano… Come sai, per me è un po’ difficile scrivere correttamente e non vorrei fare errori, perché quello che ti chiedo è davvero molto importante… Sono cose fondamentali per me e per tutti i bambini come me!Quindi ti prego, questo Natale esaudisci i miei desideri!! […] […]

  5. BLOG : La voce di quasi tutti - 11 marzo 2015

    […] Il messaggio diffuso in rete dal Mercato contadino dei Castelli romani (presente ad Ariccia, Rocca di Papa, Frascati, Albano, Pavona, Genzano e Roma Capannelle), è un grido di rabbia ma anche una fotografia su quello che accade nell’agricoltura che resiste al dominio dell’agroindustria. […] […]

Lascia un commento