Una scuola senza tempo

528374_10152170080737814_53075991_n

Una realtà completamente diversa, una scuola completamente diversa, libera da vincoli di orari, di postura e di costrizione. Questo è quello che è la scuola Vittra in Svezia, una scuola rivoluzionaria dove gli studenti sono liberi con il concetto di spazio/tempo diverso da quello al quale siamo abituati.

La classe in se non esiste, come non esistono i banchi e le sedie, lo studio è organizzato in una sorta di “piazza” centrale aperta, mentre le stanze hanno pareti di vetro in modo che non si senta il senso di chiuso di oppresso, ma solo un senso di spazio e libertà.

Ci sono oltre 8.500 studenti, dai sei ai sedici anni, che studiano senza orari prestabiliti, ma con il tempo necessario ad ognuno per terminare i propri compiti.

Queste scuole sono private ma lo stato svedese ci crede e le finanzia, così che i genitori non abbiano da pagare rette o tasse di nessun tipo. L’ammissione è in ordine di iscrizione e non ci sono esami. Il valore di quello che dà questa scuola in età prescolare e di scolare aiuta la preparazione dei bambini e degli studenti ad affrontare nuove sfide per il futuro, acquisendo nuove conoscenze e competenze e contrapponendole alle esperienze passate, che a loro volta creano un contesto e un’interezza per la vita.

Vittra dà ad ogni individuo l’opportunità:

di trovare l’approccio migliore allo studio i bambini giocano e imparano sulla base delle loro esigenze, della curiosità e della loro inclinazione;

di imparare sulla base dell’esperienza l’apprendimento dei bambini si basa sull’esperienza che incrementa la motivazione e la creatività:

di capire il proprio apprendimento i bambini vengono dotati degli strumenti per acquisire nuove conoscenze e aumentare la consapevolezza del ‘Come imparo’, che consente loro di imparare più facilmente ed efficacemente in futuro;

di avere fiducia in se stessi e nelle loro capacità i bambini diventano più consapevoli di sé stessi, dei loro punti di forza e delle loro potenzialità di sviluppo così che possano osare e sfidare;

di sviluppare la capacità di comunicare e di impegnarsi in interazioni rispettose verso gli altri, i bambini capiscono e sono attenti ai bisogni e agli interessi degli altri, possono esprimere e rappresentare le proprie opinioni così come assumersi la proprie responsabilità;

di essere ‘attrezzato’ per studio e il lavoro in un ambiente internazionale i bambini sviluppano il bilinguismo (inglese e svedese) attraverso reti e programmi di scambio all’estero.

Questa è la scuola Svedese, cosa ne pensate? Se volete saperne di più visitate il sito Vittra, è in inglese.

Fonte: eticamente.net

DA LEGGERE

La scuola della terra

Pane e olio a merenda, orto-sinergico, recupero dei saperi: accade nel salernitano

Ci vuole il tempo che ci vuole

“A scuola non si ride più, abbiamo dimenticato la saggezza di Gianni Rodari, come se in aula non potessero entrare la calma, un po’ di leggerezza e di allegria. Le cose non vanno meglio a casa. Almeno a scuola i bambini dovrebbero rallentare – scrive Luciana Bertinato, maestra -, imparare e fare le cose con il tempo che ci vuole, avere occasioni per parlare e ascoltare, giocare con la sabbia e le foglie, percepire i profumi e gli odori, scoprire il silenzio, cogliere le sfumature”. La ribellione ai domini della velocità, del Pil e della competitività comincia a scuola

Fuori i bambini dall’aula

Non c’è cambiamento se i bambini non corrono, giocano, saltano…

Apprendere per creare Scuola è cooperazione, gioco, intercultura, natura. Incontro internazionale

La città senza orologi

| Città e bambini: il cambiamento è prima di tutto riappropriazione del tempo

La gioia di educare. Il maestro Zavalloni

Per una scuola che sappia riscoprire manualità e contatto con la terra

Un apprendimento diverso al centro

Niente voti, appprendimento individualizzato, decisioni per consenso, passeggiate ed eplorazioni nel parco, pochi libri di testo, laboratori di musica e cucina, coinvolgimento dei genitori. Accade in una scuola di Torino

Tags:, ,

Lascia un commento