L’economia mafiosa e chi si ribella

sssDi mafia si parla sempre meno, con difficoltà diventa un tema di approndimento nella scuole. Ma se la mafia è prima di tutto un processo culturale (ed economico) allora vale la pena cominciare a parlarne dai più piccoli, raccontando anche chi e come si ribella (facendo).

A questi temi, ad esempio, è dedicato il mercato-nonmercato Ecosolpop (artigianato, biologico…), promosso presso Scup, a Roma (via Nola 5) domenica 2 febbraio dal titolo “Forme di resistenza e di autorganizzazione ad un’economia criminale”. Prevede diverse iniziative (il programma completo lo trovate qui), tra cui, il laboratorio delle ore 11,30 – contributo libero – per bambini e bambine (dai cinque anni in su) dal titolo “Addio pizzo”, un allegro gioco dell’oca e una storia da ascoltare e da portare a casa per spiegare l’economia di sfruttamento e le sue alternative, a cura di Reset e della ludoteca spazio bimbi di Scup.

Per prenotarsi chiamate il numero di telefono 340 3460664 oppure scrivere ad assolastrada@libero.it.

 

DA LEGGERE

Quattro chilometri di grano ribelle

Agricoltura antimafia: campagna dal basso per ricostruire un’antica via

Mettere in comune

Il cambiamento, a Palermo, è condivisione. Quella dello spazio di co-working Re Federico (foto), che ha promosso due giorni sulle risposte collettive dei cittadini all’impoverimento. E quella della fiera di consumo critico Addiopizzo. I due eventi hanno condiviso un appuntamento

L’antimafia sociale e Peppino

Petizione per consegnare alla collettività il casolare dove fu massacrato Impastato

Aziende confiscate: un bene di tutti

Proposta di legge d’iniziativa popolare: per la decrescita dell’economia mafiosa

DA VEDERE

Cartone Arance equo animate

Tags:, , ,

Nessun commento

Lascia un commento