Sediamoci in cerchio per terra

Chiediamo ai bambini, cantando più volte a intervalli regolari: “Chi di voi lo sa piantare un bel cavolo nell’orto?”.

Ascoltiamo le risposte. Invitiamo i bambini ad alzarsi, a prendersi per mano e a camminare in cerchio. Poi, cantiamo – molto lentamente – l’intera prima parte della canzone: “Chi di voi lo sa piantare un bel cavolo nell’orto?”, “Chi di voi lo sa piantare un bel cavolo così”.

Battiamo più volte il piede come per continuare a tenere il tempo della canzone. Poi, cantiamo:  “Lo si pianta con il piede, con il piede, con il piede.

Lo si pianta con il piede un bel cavolo così!”.

Senza fare troppe spiegazioni, riprendiamo a cantare la prima parte del gioco cantato e a muoversi in cerchio. Dopo di chè, battiamo la mano per terra e cantiamo: “Lo si pianta con la mano, con la mano, con la mano.

Lo si pianta con la mano un bel cavolo così!”

Invitiamo i bambini a cantare insieme a noi. Al termine diamo la parola a un bambino per fargli proporre una parte del corpo: tallone, gomito, pancia, ginocchio, sedere…

Il gioco procede finquando lo riteniamo possibile.

 

Fonte: La Vita Scolastica / Giunti

DA LEGGERE:

Zappiamo per stare insieme

Ortopanoramica, gli stati generali degli orti e giardini condivisi romani

Gli orti di tutto il mondo

«Ho viaggiato per visitare gli orti-comunitari – scrive l’autrice di Orto diffuso -, per capire perché gli abitanti delle città europee animano un movimento sempre più grande, che rivendica gli spazi abbandonati non per fare parchi ma per nutrire la terra, i quartieri, la gente»

L’educazione sottosopra 

Incontro della Rete di cooperazione educativa “C’è speranza se questo accade…”

 

 

 

 

Tags:, ,

Nessun commento

Lascia un commento