Un cambiamento radicale

«La decrescita non è un’alternativa, ma una matrice di alternative. E non è un programma – dice Serge Latouche – E’ molto diverso costruire questo tipo di società in Texas o in Chiapas». Di certo «abbiamo bisogno ovunque di un cambiamento radicale», in cui ad esempio, «si deve lavorare meno ore per tutti i lavori, ma soprattutto, si deve lavorare meno per vivere meglio, questo è più importante e più sovversivo… E si deve passare da un’agricoltura intensiva a un’agricoltura biologica». Latouche, con altri, dice anche che le democrazie oggi sono sempre più minacciate dal potere dei mercati, «siamo nella post-democrazia». Per disobbedire all’austerity c’è solo una strada: «La Grecia dovrebbe dichiarare il fallimento, come fanno le aziende», per dire in modo chiaro a istituzioni e multinazionali, non paghiamo più, scegliamo un altro modo di vivere

intervista a Serge Latouche, a cura della redazione di decrecimiento.info*

pb-120126-hope-garden-03.photoblog900

Serge Latouche, il precursore della teoria della decrescita, sostiene che la società deve produrre e consumare meno.

Era il 2001, quando l’economista Serge Latouche moderava un dibattito organizzato dall’Unesco. Tra i relatori alla sua sinistra sedevano l’attivista anti-globalizzazione José Bové e il filosofo austriaco Ivan Illich. Latouche in quel momento era rientrato dall’Africa, dove aveva constatato gli effetti dell’occidentalizzazione prodotta sul Sud del mondo. In quegli anni era di moda parlare di sviluppo sostenibile. Ma per i critici del concetto, la conseguenza dello sviluppo era tutto tranne che la sostenibilità.

E ‘stato durante quella conferenza, che si è cominciato a parlare della teoria della decrescita, un concetto che un gruppo di studiosi con preoccupazioni ecologiche ha ripreso dal titolo di una raccolta di saggi del matematico rumeno Nicholas Georgescu-Roegen. Decrescita è stata la parola scelta per provocare. Per sensibilizzare l’opinione pubblica. «Abbiamo dovuto abbandonare la religione della crescita – dice Latouche nel suo studio di Parigi, che si trova vicino al leggendario Boulevard Saint Germain – In un mondo dominato dai media – spiega – non ci si può limitare a costruire una teoria solida, seria e razionale, dobbiamo avere uno slogan, si deve promuovere una teoria come si promuove una nuova lavastoviglie».

Così è nata questa linea di pensiero, di cui il professore emerito presso l’Università Paris-Sud è uno dei precursori più attivi. Un movimento che si potrebbe inquadrare all’interno di un certo tipo di eco-socialismo, al crocevia della critica ecologica e della critica della società dei consumi, che mette in discussione la cultura dell’usa e getta, l’obsolescenza programmata, il credito senza meta e gli abusi che minacciano il futuro del pianeta.

Il vecchio professore Latouche, nato nel 1940 nella località bretone di Vannes, appare nell’angolo del Boulevard Saint Germain con il suo cappello nero e un bastone di legno per sostenere il suo camminare. Fa caldo. L’appuntamento è in un cafè, ma un gruppo di rumorosi turisti statunitensi ci convince a spostarci nel suo piccolo studio, uno spazio che ospita, stretti l’uno all’altro su sedie e sulla scrivania, montagne di libri, che sono i veri proprietari di questo luogo luminoso e molto tranquillo.

 

20101118_181820Siamo immersi in una crisi, dove pensi che il mondo sia diretto?

La crisi che stiamo vivendo oggi si è aggiunta a molte altre, e tutte si sono intrecciate. Non è più solo una crisi finanziaria ed economica, ma è una crisi ecologica, sociale, culturale… cioè, una crisi di civiltà. C’è chi parla di crisi antropologica.

È una crisi del capitalismo?

Si, beh, il capitalismo è sempre stato in crisi. E’ un sistema il cui equilibrio è come quello del ciclista, non può mai smettere di pedalare, perché in caso contrario cade a terra. Il capitalismo deve essere sempre in crescita, l’alternativa è il disastro. Per trent’anni non c’è stata nessuna crescita dopo la prima crisi petrolifera, e da allora abbiamo pedalato nel vuoto. Non c’è stata alcuna crescita reale, ma ci sono state la crescita della speculazione immobiliare e quella del mercato azionario. E ora anche queste crescite sono in crisi.

 

Latouche sostiene la necessità di una società che produca e consumi meno. Sostiene che questo è l’unico modo per fermare il degrado dell’ambiente, che minaccia seriamente il futuro dell’umanità. «Abbiamo bisogno di una rivoluzione. Ma questo non significa che bisogna macellare e appendere la gente. Abbiamo bisogno di un cambiamento radicale». Nel suo ultimo libro, La società del benessere frugale, a cura di Icaria (casa editrice spagnola, in Italia il testo è stato pubblicato da Bollati Boringhieri con il titolo «Per un’abbondanza frugale. Malintesi e controversie sulla decrescita», ndt), spiega che si deve aspirare a una migliore qualità di vita e non a una crescita illimitata del Prodotto interno lordo. Non è a favore di una crescita negativa, ma da un riordino delle priorità. L’impegno è quello per diminuire la produzione della società dei consumi.

E cosa sarebbe uno stato che adottasse la decrescita?

La decrescita non è un’alternativa, ma una matrice di alternative. Non è un programma. E sarebbe molto diverso costruire questo tipo di società in Texas o in Chiapas.

Ma nel suo libro segnala alcune misure concrete, come le tasse sul consumo eccessivo o la limitazione dei crediti. Si dice anche che si deve lavorare di meno, dovremmo lavorare di meno?

Devi lavorare di meno per guadagnare di più, perché più si lavora, meno si guadagna. E la legge del mercato. Se si lavora di più, si aumenta l’offerta di lavoro, e dal momento che la domanda non aumenta i salari calano. Quanto più si lavora più si abbassano i salari. Si deve lavorare meno ore per tutti i lavori, ma soprattutto, lavorare meno per vivere meglio. Questo è più importante e più sovversivo. Siamo diventati malati, il lavoro è una droga. E cosa fa la gente quando si riducono i tempi di lavoro? Guarda la tv. La tv è il veleno per eccellenza, il veicolo per la colonizzazione della fantasia.

Lavorare almeno aiuta a ridurre la disoccupazione?

Certo. Dobbiamo ridurre l’orario di lavoro e si deve spostare. Un must è la riconversione ecologica del settore agricolo, per esempio. Dobbiamo passare da un’agricoltura intensiva all’agricoltura biologica.

Vi diranno che vorrebbe dire tornare indietro nella storia …

Niente affatto. E in ogni caso, questo non deve essere visto necessariamente come un male. Non è un passo in dietro, ci sono persone che fanno permacultura che non ha nulla a che fare con l’agricoltura. Questo tipo di agricoltura richiede un sacco di manodopera, ecco proprio di questo so tratta, trovare posti di lavoro per le persone. Abbiamo bisogno di mangiare meglio, mangiare prodotti sani, rispettando i cicli naturali: tutto questo richiede un cambiamento di mentalità. Se questo avrà un sostegno sufficiente, saranno adottate misure concrete per portare avanti il ​​cambiamento.

Lei dice che la teoria della decrescita non è tecnofobico, ma propone anche una moratoria sulle innovazioni tecnologiche. Come si fa?

Questo è stato frainteso. Noi vogliamo una moratoria, una rivalutazione per vedere quali innovazioni si devono perseguirete e quali altre sono prive di interesse. Oggi vengono abbandonate linee molto importanti di ricerca, come la biologia del suolo, perché non hanno produzione economica. Dobbiamo scegliere. Chi sceglie? Le imprese multinazionali.

 

Latouche pensa che le democrazie oggi siano minacciate dal potere dei mercati. «Non abbiamo la democrazia», dice. Ed evoca la teoria del politologo britannico Colin Crouch, il quale sostiene che siamo in una fase di post- democrazia. C’era una predemocracy, nella lotta contro il feudalesimo e l’assolutismo; una democrazia massima, per come l’abbiamo conosciuta dalla seconda guerra mondiale, con il periodo di maggior splendore del welfare state; e ora abbiamo raggiunto la post-democrazia. «Siamo dominati dalla oligarchia economica e finanziaria che è in servizio grazie a un certo numero di suoi funzionari, che sono i capi di stato dei paesi». E sostiene che la prova più evidente è ciò che l’Europa ha fatto con la Grecia, sottoponendola a severi programmi di austerità. «Sono un convinto europeista, ha lottato per costruire l’Europa, ma non questa. Dovevamo costruire una politica e una cultura dell’Europa prima, e alla fine, forse, un paio di secoli dopo, adottare una moneta unica». Latouche sostiene che la Grecia dovrebbe dichiarare il fallimento, come fanno le aziende. «In Spagna, il re Carlo V ha fallito due volte e il paese non è morto, al contrario. L’Argentina lo ha fatto dopo il crollo del peso. Il presidente dell’Islanda, che non è stato preso sul serio, l’anno scorso a Davos ha detto che la soluzione alla crisi è semplice: si annulla il debito e quindi il recupero è molto veloce».

 

E questa sarebbe anche una soluzione per i paesi come la Spagna?

E’ la soluzione per tutti, e si finirà per farla, non ce ne sono altre. Quando si cerca di pagare il debito, con il quale si schiacciano le popolazioni, si dice che questo è il modo per liberare le eccedenze che permettono di ripagare il debito, ma in realtà si entra in un circolo vizioso in cui ogni volta si devono liberare più eccedenze. L’oligarchia finanziaria cerca di prolungare la sua vita il più a lungo possibile, è facile da capire, ma è a spese del popolo.

 

Fonte: decrecimiento.info (titolo originario Trabajar menos para trabajar todos, traduzione di Comune-info)

DA LEGGERE

Uscire dall’economia (Serge Latouche)

L’affermazione della decrescita non serve e non si propone di acquisire un potere, un po’ come l’esperienza zapatista. Anzi, costituisce un contropotere sociale. Prima di ogni altra cosa, la decrescita è una provocazione, un grido che contesta l’invenzione stessa dell’economia. L’economia, infatti, come la sua controfigura «green» o il lavoro salariato, esiste solo in un orizzonte di senso, quello del capitalismo. È una ragione di speranza in questi tempi? Sì, in alcune città della Grecia e della Spagna, a differenza di quanto accaduto in Argentina dieci anni fa, pezzi di società che subiscono l’austerità hanno cominciato a incontrare gruppi che sperimentano forme di decrescita. Per questo il potere, che teme il cambiamento profondo dice: «Siate seri, non è il momento di parlare di queste cose».

Smettiamola di vivere per lavorare

Possiamo riequilibrare i tempi di vita tra attività retribuita e non

Vivere senza lavoro, nuove resistenze

Il «settore-informale» latinoamericano e il precariato europeo subiscono assalti

Per un approfondimento sul tema «città e decrescita», suggeriamo invece la lettura di un’altra conversazione con Latouche: La città inedita.

L’ultimo libro di Latouche è Usa e getta. Le follie dell’obsolescenza programmata (Bollati Boringhieri).

Un prezioso archivio di idee e pratiche sulla decrescita è naturalmente il Tag DECRESCITA.

 

Tags:, , ,

Iscriviti e seguici

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Un cambiamento radicale | Terracina Social Forum - 12 settembre 2013

    […] Dal sito Internet http://comune-info.net/2013/09/decrescitalavoraremeno/ […]

  2. Agorà | Un cambiamento radicale di Serge Latouche - 16 settembre 2013

    […] (continua la lettura) […]

  3. BLOG : La voce di quasi tutti - 30 agosto 2014

    […] «La decrescita non è un’alternativa, ma una matrice di alternative. E non è un programma – dice Serge Latouche – E’ molto diverso costruire questo tipo di società in Texas o in Chiapas». Di certo «abbiamo bisogno ovunque di un cambiamento radicale» […] […]

Lascia un commento