Cibo a km zero. Anche in Rete

extralarge
La spesa a chilometri zero piace agli italiani. In rete
Cresce la domanda di prodotti a basso impatto ambientale, si moltiplicano sul web piattaforme che mettono in contatto diretto produttori e consumatori grazie alla geocalizzazione. Da ortointasca.it a cortilia.it, siti e app con un unico obiettivo: accorciare la filiera puntando sulla qualità

Prima c’era il passaparola, la vicina di casa o l’amica che consigliano cosa e da chi comprarlo, ora c’è la Rete. (…) Si ritorna all’acquisto senza intermediari, senza passare dalle grandi reti di distribuzione. Solo che adesso non si fa in fattoria, basta uno smartphone. Un trend non più riservato agli “amanti del mangiar sano” né agli “ecologisti”, e sembra conquistare gli italiani in modo trasversale, soprattutto donne e con un’età inferiore ai cinquantaquattro anni, almeno secondo i sondaggi (…).

Rivela un’indagine di Coldiretti che nel 2011 frutta e verdura comprate dalle mani dei contadini sono aumentate del 53 per cento rispetto al 2010, mentre lo scorso anno il fatturato ha raggiunto i tre miliardi di euro e promette una crescita a due cifre entro fine 2013. Un territorio da conquistare metro per metro, dove è forte il divario tra domanda, sempre crescente, e offerta diretta online ancora lacunosa. Intanto a dettare legge in terra digitale ci hanno pensato applicazioni e piattaforme. Grazie alla geolocalizzazione. Il motto è: so dove sei, ti dirò dove comprerai.Il panorama si va piano piano affollando. Da cortilia.it, il “primo mercato agricolo online dove puoi acquistare prodotti artigianali dagli agricoltori locali”, recita lo slogan nell’homepage del sito, a prodotti-a-km-zero.it, una piattaforma per acquisti in fattoria nata senza scopo di lucro dalla passione di due fratelli, Barbara e Fabio Pollini, rispettivamente web designer e ingegnere informatico; fino a sfiorare eccessi campanilistici, ad esempio il caso di “Check sud” che segnala esclusivamente prodotti alimentari meridionali. Dall’ultimo censimento agricolo dell’Istat, datato 2010, risulta che solo lo 0,67 per cento delle aziende agricole pratica il commercio elettronico e l’1,69 possiede un sito web”, scrivono Nicola Galletto, Alessandro Vaccaro e Marco Grumolato, tutti under trenta, nel manifesto di quicibo.it, portale nato per promuovere la filiera corta. “Dall’altro lato, sono quindici milioni gli italiani che fanno ricerche sul web per confrontare prezzi e qualità dei cibi: è lì che noi ci inseriamo”. “Cercavo un mercato a chilometri zero per comprare frutta e verdura vicino casa”, spiega così Eva De Marco, 36 anni, la genesi de “L’orto in tasca”, nata ad aprile, è l’ultima in ordine d’arrivo nel panorama delle app green, ma già la più recensita. Promette di essere una vera campagna “pocket” e in poco tempo ha conquistato la fiducia di oltre mille aziende in tutta la Penisola che hanno approfittato della registrazione gratuita fino a dicembre per provare le funzioni messe a disposizione dall’applicazione disponibile sia per Apple sia per Android. Spiega: “Dopo per le imprese è previsto un abbonamento, mentre per gli utenti il servizio continuerà a essere gratuito. Basta scaricarlo per accedere al database, controllare le aziende vicine, i loro prodotti, i prezzi, l’orario d’apertura, anche recensirle”.

(…) Il prossimo obiettivo è un sistema nazionale grazie al quale ogni cittadino potrà sempre individuare quale dei nostri punti vendita è presente nei dintorni”. Ancora dubbiosi? Se il panorama italiano non fosse sufficiente, per convincervi della crescente importanza dell’acquisto consapevole, basta guardare oltre oceano. Si chiama “Buycott”, gioco di parole tra comprare e boicottare, è l’applicazione che sta facendo tremare le grandi multinazionali, e appena sbarcata su iTunes e Google play ha fatto boom di download: dieci al secondo. Una volta installata sul proprio smartphone, basta passarla sul codice a barre di qualsiasi prodotto che si trova al supermercato per sapere istantaneamente dove è stato prodotto, e come. Niente più scuse, quindi, scegliere si può.

.
.
Ampi stralci di un articolo pubblicato su la Repubblica il 17 settembre 2013.

DA LEGGERE
Coltivare terre abbandonate
Un sito cerca di trovare un coltivatore per ogni spazio agricolo disponibile

Gli orti di tutto il mondo
[Mariella Bussolati]
«Ho viaggiato per visitare gli orti-comunitari – scrive l’autrice di Orto diffuso -, per capire perché gli abitanti delle città europee animano un movimento sempre più grande, che rivendica gli spazi abbandonati non per fare parchi ma per nutrire la terra, i quartieri, la gente»

Tags:, ,

Iscriviti e seguici

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti.

Nessun commento

Lascia un commento