I Gas giocano a Monopoli

Nel gioco da tavolo più noto al mondo, i giocatori competono per guadagnare denaro attraverso l’acquisto e l’affitto di proprietà terriere che dipendono dal tiro dei dadi. Nel gioco/incontro dei Gruppi e delle Distretti di economia solidale a Monopoli (Bari), dal 28 al 30 giugno, invece, i giocatori cooperano per guadagnare equità e mutuo soccorso attraverso lo scambio di pratiche e di idee, che dipendono dal rifiuto del dominio del denaro.

Quando ad aprile 2012 ci siamo incontrati per la prima volta come Gruppi di acquisto solidali e non solo, in occasione della presentazione della legge regionale sui Gas, e abbiamo avviato il percorso di Res (Rete di economia solidale) Puglia, credo che nessuno di noi si sarebbe aspettato che un anno dopo avremmo accolto nella nostra regione il tredicesimo Incontro nazionale dell’economia solidale.

Da venerdì 28 a domenica 30 giugno il centro storico di Monopoli, in provincia di Bari, accoglierà dunque Gruppi di acquisto solidali (Gas), Distretti e Reti di Economia Solidale (Des e Res), imprese solidali provenienti da tutta Italia, in un appuntamento organizzato da Res Puglia – Rete di Economia Solidale della Puglia in collaborazione con Tavolo nazionale dell’Economia Solidale, Ressud – Rete di economie solidali del Sud e Rete Nazionale dei Gas.

Convegni, incontri, officine solidali, mercato, musica, giochi: tre giorni per scambiare buone prassi, costruire nuovi progetti, incontrarsi, conoscersi, confrontarsi e sviluppare idee comuni su cosa è e come può/deve diffondersi un nuovo modo di fare economia, generare ricchezza, produrre valore. Il centro storico di Monopoli sarà approdo, infatti, di uno sbarco solidale in cui sarà protagonista attivo chi in questi anni ha promosso e costruito un’economia del noi. In un momento di cambiamento, queste esperienze diventano strumento di risposta alla crisi e alternativa possibile a modelli economici insostenibili.

IoSbarco! sarà il momento in cui fare il punto e costruire insieme nuove prospettive e alleanze, per potenziare e accrescere il nostro capitale sociale: Gas, Des, Res e Imprese solidali provenienti da tutta Italia si incontreranno per ragionare insieme di agricoltura biologica, filiera corta, tutela del lavoro, sostenibilità ambientale e molto altro.

Quali sono i meccanismi che fanno scattare la relazione virtuosa tra gas e produttori? Quali imprese locali sono state avviate? Quali soluzioni sono state individuate nelle varie fasi della filiera (produzione, Pdo, consumo)? Quali nodi critici? Quali settori si ritengono strategici? Quale economia riusciamo a creare con le nostre pratiche e non solo? Queste sono alcune domande alle quali si cercherà di dare una risposta durante gli spazi di confronto e discussione in cui ci sarà la possibilità per tutti di partecipare e prendere parola grazie al coordinamento di un gruppo di facilitatori.

Tra gli appuntamenti previsti oltre al «Seminario di apertura» sui temi dell’incontro con la partecipazione di numerosi attori dell’Economia solidale e con un focus sul Sud (venerdì 28 giugno dalle 17,30 alle 20,30), si terranno due assemblee plenarie (sabato 29 dalle 9,30 alle 10,30 e domenica dalle 11,30 alle 14), le Officine Solidali (sabato dalle 11 alle 13,30 e dalle 15 alle 17,30), novità di questa edizione, con un confronto tra progetti, stimolo all’individuazione dei punti di forza e debolezza delle esperienze per rafforzare la Rete, e la discussione approfondita dei gruppi di ambito (sabato dalle 17,30 alle 19,30 e domenica dalle 9,30 alle 11).

Venerdì e sabato dalle 19 alle 24 si terrà la Fiera degli attori solidali con il mercato dei prodotti food e non food riservato a produttori, fornitori, associazioni.

Tutte le informazioni si trovano sul sito www.respuglia.org

 

* Rete dell’economia solidale di Puglia

Leggi anche:

Le tre economie del pane

Capitalista, industriale o quella delle panetterie autogestite da cooperative locali?

Fuga dalla «ratio» capitalista

Spagna: molte esperienze cercano di costruire nuovi spazi sociali e commerciali

Nuova Piccola Distribuzione

A Torino un esperimento coinvolge Gas e un gruppo di cooperative

Apartheid globale o mondializzazione?

Economia reale contro finanza? No, aparheid globale del liberismo contro il «vivere-insieme»

Dai Gas alla cittadinanza critica

Che i Gruppi di acquisto solidale siano un fenomeno in crescita è cosa nota. Più interessante è scoprirli come spazi di auto-educazione e laboratori, non privi di limiti, di cooperazione e corresponsabilità sociale e territoriale

La moltiplicazione dei cesti

Alter-Conso è una cooperativa che raccoglie produttori, consumatori, lavoratori e distribuisce cestini di frutta e verdura bio nei quartieri di Lione. Lo fa più di un Gas e molto meglio di un supermercato. I suoi lavoratori sperimentano orari ridotti e rotazione di incarichi

 

 

Tags:, ,

Nessun commento

Lascia un commento