Ricominciamo dai borghi

L’Italia non è solo terra di città. È anche il luogo dei borghi, dei paesi, piccoli e medi, a rischio di abbandono. Prendersi cura dei borghi, come fanno gruppi di cittadini e associazioni, non è solo un disegno di riequilibrio demografico o ambientale ma un’occasione per ripensare il lavoro e l’ospitalità. Un modo per scoprire saperi, dialetti, letterature popolari, strumenti musicali, conoscenze di erbe, forme di preparazione e conservazione dei cibi. Ma i borghi restano soprattutto spazi in cui alla velocità e alla competizione capitaliste opporre altri ritmi quotidiani, modalità diverse di ricomposizione delle relazioni sociali

di Piero Bevilacqua

Borghi

L’Italia non è solo – in misura storicamente più rilevante che nel resto d’Europa – terra di città. E’ anche regione di borghi, di paesi, piccoli e medi, disseminati lungo la dorsale appenninica e preappeninica e fin sulle Alpi, ma presenti anche, con caratteristiche proprie, nella Pianura padana. E una saliente caratteristica è la loro varia origine storica, che va da epoche remotissime sino all’Otto-Novecento, insieme alla diversità delle genti e delle colonizzazioni che li hanno plasmati. Si pensi a un centro come Bobbio, in Emilia Romagna, abitato in età neolitica, poi colonizzato dai Liguri, dai Celti, dai Romani; oppure Pitignano, in Toscana, parimenti attivo nel neolitico, colonizzato dagli Etruschi e successivamente romanizzato. E ancora, sempre per sottolineare l’antichità della fondazione e la varietà delle civilizzazioni – ma per cenni necessariamente avari e sporadici – si può ricordare, scendendo verso Sud, Norcia, in Umbria, centro d’incontro di varie etnie nel mondo antico, poi assoggettata ai Romani; Gerace, in Calabria, colonizzata dai Greci a partire dal VIII-VII secolo e poi divenuta bizantina.

Nel Lazio e in parte dell’Italia meridionale dominano i borghi di origine medievale del cosiddetto incastellamento – studiato dallo storico Pierre Tourbet – risultato dell’aggregarsi degli abitati intorno a un castello feudale, per proteggersi dalla incursioni saracene e poi normanne di quell’età turbolenta. Ma è solo per suggerire una idea della vetustà storica e della multiformità delle culture. Non sorprende, dunque, se un numero grandissimo di questi borghi possiede al suo interno e nei suoi immediati dintorni un patrimonio immenso di resti e di manufatti, che custodiscono la memoria millenaria d’Italia, l’operosità di innumerevoli generazioni di artigiani e artisti. In questi centri sono disseminati santuari, torri, casali, abbazie, chiese, pievi, palazzi signorili, necropoli, ville, mausolei, sepolcri, chiostri, affreschi, statue e dipinti, anfiteatri, aree archeologiche, cinte murarie, strade, porte, vasche termali, cisterne, acquedotti.

I resti, insomma, talora ben conservati, di una civiltà impareggiabile. Nel 1980 Federico Zeri curò l’VIII volume della Storia dell’arte italiana per Einaudi, dedicata ai Centri minori dove tanto tesoro è illustrato per ricchissimi esempi. Mentre le benemerite guide rosse del Touring Club, come ricordava Italo Calvino, costituiscono il “catalogo nazionale” dove così innumerevoli beni sono registrati nel loro contesto storico e territoriale.

Borghi abbandonati

Ora che cosa accade nella nostra civilissima Italia? Accade che una parte crescente di questi borghi sono a rischio di abbandono, o sono già divenuti dei centri fantasma. Si calcola che siano almeno 5000 in tali condizioni. Naturalmente, la tendenza in atto non è senza contraddizioni. Esistono territori montani, come il Mugello, in Toscana, dove la popolazione tende a crescere. Negli ultimi anni i paesi intorno a Roma si sono gonfiati di popolazione. A causa degli elevati costi dei fitti, molti cittadini che lavorano a Roma sono andati a vivere nei paesi vicini, eleggendoli quali dormitori rurali del loro pendolarismo. Ma la corrente prevalente è l’abbandono, lo svuotamento demografico, soprattutto lungo la dorsale appenninica e nelle aree interne.

A questa situazione da tempo si vanno opponendo con varie iniziative non pochi enti e gruppi, come l’Associazione Borghi più belli d’Italia, sorto nel 2001 per impulso della Consulta del turismo e dell’Anci, il Gruppo Touring Club, il Paesi Fantasma Gruppo Norman Brian (che si occupa della mappatura dei borghi) e varie altre associazioni a scala locale, come l’Azione Matese, impegnata a favore dei paesi del Massiccio del Matese. Ciò di cui queste associazioni e varie altre hanno bisogno, tra l’altro, è senza dubbio una visione territoriale più ampia delle aree interne italiane e della formazione di una rete veramente attiva di informazione, scambi e cooperazione. Le aree interne fanno oggi parte di un vasto progetto, necessariamente di lunga lena, avviato da Fabrizio Barca all’interno del Ministero per la coesione territoriale.

Si tratta di un disegno di riequilibrio demografico, sociale, ambientale che può offrire nel tempo vaste prospettive al lavoro italiano e alla valorizzazione delle immense risorse naturali ospitate in queste terre. L’agricoltura della biodiversità agricola e la sua trasformazione agroindustriale, la selvicoltura, l’allevamento, l’utilizzo delle acque interne, l’escursionismo, il turismo, l’agricoltura sociale, le fattorie didattiche, la produzione di energia su piccola scala, l’artigianato del riciclo costituiscono le leve potenziali della rinascita di queste aree dove è prosperata per secoli la nostra civiltà rurale. A condizione, naturalmente, che i servizi fondamentali (scuole, ospedali, trasporti) riacquistino o conservino il loro ruolo irrinunciabile.

Saperi, dialetti, letterature popolari

Ma i borghi possono svolgere una specifica funzione attrattiva. Al loro interno si custodiscono non solo i manufatti artistici che abbiamo sommariamente elencato, ma, assai di sovente, essi sono scrigni invisibili che custodiscono antichi saperi, dialetti, culture e letterature popolari, strumenti musicali tradizionali e canti antichi, conoscenze di erbe e piante, forme di preparazione e conservazione dei cibi, cucine multiformi. Ma in questi luoghi si conserva dell’altro. In realtà, il nostro immaginario colonizzato dal demone dell’utile ci impedisce di scorgere tanti invisibili tesori immateriali. Si ritrovano infatti in tanti borghi, talora intatti, modalità del vivere, ritmi quotidiani, un rapporto speciale con il tempo e la memoria, emozioni e modi di guardare, lentezze e assaporamenti della realtà circostante che nella città sono ormai perduti per sempre.

Una dimensione antropologica del vivere e del sentire, travolta dalla modernità, che si ritrova ancora conservata come per una miracolosa regressione in un altro tempo storico.

Perciò occorre stabilire un nuovo rapporto di curiosità e scoperta, creare un nuovo sguardo sul nostro passato – come da tempo va facendo Franco Arminio, anche sulle pagine del manifesto – mescolare l’antico con il presente: ad esempio trasformando vecchi edifici in abbandono, riattivando antiche manifatture con nuove produzioni, o cambiandole in «manifatture delle idee», cioé in sedi di nuovi centri di ricerca. Occorrerà dunque seguire e documentare le iniziative che vanno sorgendo nei borghi, perché essi segnano il sentiero di un nuovo possibile rapporto degli italiani col proprio territorio e con il proprio passato.

Borghi solidali

A tal fine trovo qui quanto mai opportuno soffermarmi, sia pur per pochi accenni, su una singola esperienza in uno degli angoli più difficili e fisicamente avversi della nostra Penisola. E anche impervi sul piano civile, a causa della criminalità endemica. Mi riferisco alle attività che dal 2010 va svolgendo l’Agenzia dei borghi solidali nei comuni dell’estrema Calabria come Pentedattilo, Roghudi (spezzato in due da una alluvione nel 1971) e Montebello, all’interno del progetto “i luoghi dell’accoglienza solidale nei borghi dell’area grecanica”. L’Agenzia, aggregazione di numerose altre associazioni, ha sede, a Pentedattilo – pittoresco paese sullo Jonio che scende a cascata da una rupe – in un edificio, Villa Placanica, sottratto alla mafia. E, tra le varie iniziative messe in cantiere, organizza campi di lavoro estivo nazionali e internazionali, il che porta centinaia di ragazzi provenienti da ogni dove negli ostelli presi in gestione nei borghi.

E’ un modo per valorizare il patrimonio edilizio pubblico e privato in abbandono, per riportarlo a nuove funzioni e utilità. E in questi spazi si vanno aprendo anche le cosiddette Botteghe solidali. Nel frattempo, all’interno dello Spaziofiera di Roghudi nuovo e di Pentedattilo, sono all’opera botteghe artigiane che puntano a riscoprire e dare nuovo valore alle tradizioni manifatturiere grecaniche, offrendo nello stesso tempo lavoro a immigrati e cittadini svantaggiati. Si tratta di una esperienza agli inizi, condotta da giovani molto capaci e legati al proprio territorio per passione e sensibilità storica. Con un tenace sforzo di aggregazione vanno creando e diffondendo culture di solidarietà e di legalità e soprattutto mettono in moto rapporti interculturali e di cooperazione fra le persone: quelle forme di comunicazione e di scambio che erano già vive su queste terre quando nel Mediterraneo fioriva la civiltà greca e il mare era luogo di vicinanza e di dialogo fra popolazioni diverse.

 

Fonte: amigi.org

Leggi anche:

La rivoluzione dell’Appennino

Politica e alberi, utopia e scuole, libri e formaggi: l’umanesimo delle montagne

Accogliere in borghi e piazze

Il recupero di spazi e paesi abbandonati passa anche per gli «alberghi-diffusi»

La cooperativa di paese

Forno, bottega-bar, agriturismo: a Succiso (Re) si decide e lavora tutti insieme

Il treno delle nuvole

Da Isernia a Sulmona, la Transiberiana d’Appennino. Un percorso straordinario ma anche un’alternativa no oil

Tags:,

2 Risposte a “Ricominciamo dai borghi”

  1. 18 ottobre 2013 at 01:07 #

    Hey I am so glad I found your site, I really
    found you by error, while I was researching on Aol for
    something else, Anyhow I am here now and would just like to say
    thanks a lot for a tremendous post and a all round thrilling blog (I also love the
    theme/design), I don’t have time to read it all at the
    minute but I have bookmarked it and also included your RSS feeds, so when I have time I will be back to read more, Please do keep
    up the superb work.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Ricominciamo dai borghi di Piero Bevilacqua | Agorà - 20 giugno 2013

    […] (continua la lettura) […]

Lascia un commento