Benetton inchiodata

Una nuova bolla commerciale, accanto ad altri documenti, si aggiunge a quelli trovati giorni fa tra le macerie del palazzo imploso che Benetton aveva cercato di ignorare dopo la denuncia della campagna Abiti puliti. E le piazze si riempiono ogni giorno di rabbia contro le multinazionali, il governo e le moderne schiavitù

di Emanuele Giordana, Lettera 22

_67314741_67314740Nuovi documenti sulle forniture recuperati tra le macerie del Rana Plaza. C’è una data che incastra un pezzo di Italia nel crollo del palazzo di Dhaka dove dieci giorni fa più di 550 persone sono morte e dove alacri fabbriche tessili lavoravano al servizio della moda di regioni lontane.

C’è una data, il 23 marzo del 2013 – un mese esatto prima del crollo del Rana Plaza – che inchioda il Gruppo Benetton alle sue responsabilità. Una data su una nuova bolla commerciale che, accanto ad altri nuovi documenti, si aggiunge a quella che fu trovata giorni fa tra le macerie del palazzo imploso ma che Benetton aveva liquidato come «one shot », acquisto spot dalla New Wave, fabbrica bangladeshi di indumenti. Anzi, Benetton dichiarava che quella ditta, su cui si erano già addensate nubi e dubbi, non era più tra quelle di cui si serviva. Una presa di distanze sbugiardata due volte.

Col primo documento dopo che Benetton aveva negato di aver mai lavorato con le fabbriche coinvolte nel crollo. Una seconda volta – dopo la prima ammissione – ora che sono emersi nuovi documenti, chissà se gli ultimi di una brutta vicenda cui ora l’azienda trevigiana è chiamata a rispondere: ai lavoratori del Bangladesh, che la pubblicistica più moderata definisce «schiavi», e ai clienti degli oltre 5 mila negozi di un colosso noto per le pubblicità con bimbi multietnici stretti felicemente negli United Colors of Benetton, marchio diventato provocatoriamente famoso con gli scatti di Oliviero Toscani (che ha interrotto la collaborazione nel 2000). Quei documenti li hanno trovati gli uomini della Bangladesh Garments and Industrial Workers Federation e del Bangladesh Centre for Worker Solidarity, due sigle sindacali (la prima del Bangladesh, la seconda che fa capo all’American Federation of Labor-Congress of Industrial Organizations) che ancora stanno scandagliando le macerie. Una delle foto mostra chiaramente un foglio nel quale vengono contestati alcuni capi: bottoni, strappi, sporco. In alto a sinistra il nome dell’azienda fabbricante, la New Wave, e il nome del cliente, Benetton. A destra la data, il 23 marzo del 2013, 7 del pomeriggio.

Negli altri documenti, ci sono bolle col nome Benetton o intestate alla società indiana Shahi Exports Pvt che citano Benetton, una «scheda controllo misure produzione» (in italiano) con alcune indicazioni per la manifattura di magliette riconducibile a Benetton e altro ancora. Nell’insieme dei documenti (l’ordine di cui il manifesto ha scritto il 30 aprile e quelli odierni), il coinvolgimento di Benetton è evidente. E la data di uno dei documenti che riproduciamo rivela quanto negato dalla società: se il 23 marzo, a un mese dal crollo, si contestava la fattura di certi abiti, come può dire l’azienda trevigiana che New Wave era ormai fuori dalla lista dei fornitori? Quelle fotografie sono state passate all’International Labour Rights Forum, un’organizzazione con base a Washington che difende i diritti dei lavoratori nel mondo e con meno peli sulla lingua dell’Ilo, l’agenzia dell’Onu per il lavoro.

È stato il Ilrf a passarli a sua volta a un giornalista dell’International Business Times e a farli così arrivare anche sul tavolo della campagna Abiti Puliti, che in Italia ha per prima sollevato il caso Benetton e reso noto il primo documento che la coinvolgeva. Ora le immagini di quei documenti sono a disposizione dei lettori de il manifesto e indicano chiaramente date, ordini, tipo di confezione. Carta, come si dice, che canta e che canta una brutta musica. Una musica cui Benetton dovrebbe rispondere con un controcanto meno equivoco rispetto a quanto fatto sinora, prima negando, poi parlando di uno, massimo due ordini forse addirittura da addebitare a una sussidiaria. Un modo per stare lontani da una responsabilità che chiede due risposte: se Benetton non debba concorrere al fondo di solidarietà che alcune aziende hanno già sottoscritto che ripaghi almeno in parte le famiglie delle vittime.

Se non debba spiegare chiaramente se intende firmare e quando il Bangladesh Fire and Building Safety Agreement promosso dall’International Labor Rights Forum e da Abiti puliti in Italia. Un accordo che impegna le aziende straniere al controllo sulla salute e la sicurezza degli stabili con verifiche pagate di tasca propria. In Bangladesh la magistratura va avanti con le indagini mentre le piazze si riempiono di una nuova fiumana di persone (ieri a Dhaka è stata la volta della coalizione di 18 partiti guidata dall’opposizione del Bangladesh Nationalist Party, oggi tocca agli islamisti del Hefajat-e-Islam Bangladesh) tra le quali, a parte le polemiche politiche tra partiti (il Paese è guidato dalla laica Lega Awami), il dramma del Rana Plaza è uno dei grandi temi che le organizzazioni di massa stanno affrontando.

Intanto ieri a Treviso, al termine di un incontro col giurista Ugo Mattei in piazza Aldo Moro, gli attivisti del collettivo Ztl Wake Up hanno dato vita a un blitz contro la Benetton di piazza Indipendenza con lanci di vernice e uno striscione con scritto: «Dacca, Bangladesh, United Colors of Benetton». Inequivocabile.

 

*Articolo pubblicato su il manifesto, 5 maggio 2013 (fonte: Lettera 22)

Leggi anche:

Il terrorismo delle multinazionali

Paula Chakravartty e Stephanie Luce

Come mai attribuiamo a certi atti di violenza la qualifica di terrorismo globale mentre altri sono relegati alla categoria più banale della violenza ordinaria? I fratelli Tsarnaev sono stati immediatamente classificati terroristi, dopo la caccia all’uomo di Boston. Tuttavia nella stessa settimana un’esplosione in una fattoria di fertilizzanti ha ucciso quattordici persone e causato danni enormi in una cittadina del Texas occidentale, con scarsa attenzione mediatica. E l’orrendo incendio di una fabbrica (dove si lavorava per marchi ben noti, tra cui Benetton), avvenuto il 24 aprile fuori Dhaka, in Bangladesh, che ha ucciso centinaia di persone (prevalentemente donne), viene considerato poco più di un brutto incidente.

Chi vuol essere figo il Primo Maggio

di Monica Di Sisto, Comune-info

Descrivere la strage del Rana Plaza è come ripercorrere la cronaca di una morte annunciata. Il crollo dell’edificio arriva solo cinque mesi dopo che un incendio ha ucciso altri 112 lavoratori tessili nella fabbrica Tazreen Fashion. Da allora ci sono stati ulteriori 41 incendi in fabbriche di abbigliamento in Bangladesh dove sono rimasti uccisi nove operai e feriti più di 660, secondo i dati raccolti dal Solidarity Center, un’organizzazione vicina ai sindacati internazionali. L’industria dell’abbigliamento è la più grande fonte di esportazioni per il Bangledesh. I lavoratori del settore, però, hanno un salario minimo di 37 dollari al mese, il più basso del mondo, e una legislazione nazionale del lavoro che punta ad attirare investitori stranieri azzerando le loro responsabilità. Che senso ha di fronte a tutto questo il Primo Maggio?

Il sito della Campagna Abiti Puliti

Tags:, , ,

Iscriviti e seguici

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti.

Nessun commento

Lascia un commento