Il sogno di San Lorenzo

L’invasione dei «compro oro» e delle sale scommesse sono il simbolo della trasformazione in non-luoghi di città e quartieri, come San Lorenzo a Roma. Tuttavia, piccoli commercianti indipendenti, librai, vinerie, artigiani ma soprattutto associazioni, la ciclofficina, la palestra popolare e gli spazi occupati si ostinano a disegnare una geografia sociale diversa. A chi insegue le elezioni non sono disposti a delegare nulla e sono convinti che il cambiamento passi per cantieri di autogoverno, qui e ora, concreti e creativi. Un ottimo reportage, un appuntamento e alcune buone letture

di Sarah Gainsforth*

547676_484516698271458_1158126360_n«Io non me ne ero accorto» ha detto l’ottico che ha chiuso in via Tiburtina. «Stavo tutto il giorno al negozio, non mi sono reso conto di quanto è cambiata San Lorenzo finché non mi sono affacciato…». L’ottico ha dovuto chiudere, smontare il negozio e dare la merce invenduta in beneficenza piuttosto che pagarci le tasse. Al posto dell’ottico? Una sala scommesse. A due passi, la quasi storica sala giochi «Money Games».

Al civico seguente è spuntato il Compro Oro, le insegne ben visibili, l’interno molto meno. Prima del sottopasso che porta alla Tiburtina fino a poco tempo fa campeggiava un maxi-cartellone che recitava «Bilancia? Ascendente Bufala! Evita le truffe, sceglia A Peso D’Oro».

I compro oro, come le sale scommesse e i casinò, sono lo specchio della crisi. Le banche non concedono prestiti, e le famiglie si vendono i gioielli: nel 2012 quasi il 30% degli Italiani lo ha fatto (contro l’8,5 per cento del 2011). Una crescita stimata intorno al 25 per cento dal 2009 al 2012 su base nazionale, un settore molto poco regolamentato che si è quadruplicato negli ultimi due anni, a causa del bisogno di liquidità e per l’impennata del prezzo dell’oro. Le attività di «compro-oro», spesso irregolarmente registrate, sono terreno facile per le infiltrazioni mafiose, funzionando come attività di copertura per il riciclaggio di proventi illeciti. Sul proliferare degli esercizi «compro-oro» e sul rischio usura come effetto della restrizione dell’accesso al prestito bancario, il rapporto Italia Eurispes 2012 lancia l’allarme. Anche a San Lorenzo, tra i commercianti c’è chi conferma un significativo ritorno dei «cravattari».

Via degli Equi: Videobuco, storica videoteca «bagaglio cinematografico che lo ha fatto diventare tempio di adorazione dei pellegrini cinefili», come lo definisce Dario, il proprietario che dopo 17 anni ha ceduto la gestione per trasferirsi a Berlino. Perchè? «Ho visto sparire tanti piccoli centri culturali, botteghe artigianali, negozi storici a gestione familiare e alcuni posti a cui ero particolarmente legato (ad es. Disfunzioni Musicali). Sostituiti prevalentemente da posti dove mangiare un panino veloce o comprare una birra da bere poi in strada. Insomma hanno cominciato a mancarmi i punti di riferimento e il senso di appartenenza. Quello che vedo più in generale è che Roma cambia ma non in meglio. Si tiene il suo antico patrimonio storico e culturale che inevitabilmente richiama e continuerà sempre a richiamare i turisti. Ma ai cittadini cosa offre? Dove sono le novità? Dove le proposte culturali originali e valide? Il mio rispetto e stima a chi ci prova, io però intanto sono emigrato a Berlino». Non a caso, c’è chi parla di «desertificazione urbana». Secondo il rapporto Confesercenti dal 2002 al 2012 il numero medio di esercizi al dettaglio è crollato del 24,3 per cento.

Interessante a questo proposito il commento del Censis: «Il problema non è solo economico, ma anche culturale: tornare indietro non sarà possibile, le città – ma anche i commercianti – dovranno inventarsi qualcos’altro per dare ai quartieri una nuova rete sociale e di salvaguardia del territorio».

Non va sicuramente in questa direzione il progetto di Grandi Stazioni (controllata al 60 per cento da Ferrovie dello Stato e al 40 per cento da Eurostazioni Spa di cui fanno parte il gruppo Benetton, il gruppo Caltagirone, il gruppo Pirelli e la Société Nationale des Chemins de Fer, che ha vinto l’appalto, insieme a Rf ) per la Stazione Tiburtina, dove si vorrebbe realizzare un mega-centro commerciale con il raddoppiamento dell’area commerciale di 10mila metri, con nuove volumetrie delle zone commerciali già assegnate e non a caso ancora ferme. Così Marcucci sul progetto: «Grandi Stazioni avrebbe presentato un progetto alle Rfi, mi domando quali sono gli interlocutori se né il Municipio né l’assessorato all’Urbanistica ne sa nulla. Questa è un’ipotesi spaventosa che finirebbe per arrecare ulteriore danno ai negozi intorno alla stazione». Il progetto originale per la Stazione Tiburtina prevede inoltre la destinazione di mille metri quadri al Comune, da dividere tra Municipio III e Municipio V; mille metri quadri che allo stato attuale dei lavori non si sa dove siano andati a finire. Quello che sarebbe dovuto diventare un centro importante di servizi per i cittadini si sta trasformando nell’ennesimo centro commerciale, a due passi da San Lorenzo.

Nel quartiere, sono ben dodici i progetti di speculazione edilizia che si vorrebbero realizzare trasformando vari edifici storici in palazzine residenziali, come il progetto di demolizione e ricostruzione del palazzo dell’ex Fonderia Bastianelli al cui posto è prevista una nuova costruzione di venti metri con tre piani sotterranei. Questo nella città capitale delle case vuote, preda dei palazzinari e della cementificazione selvaggia, in cui gli affitti sono diventati insostenibili non soltanto per gli studenti e per i lavoratori precari, i primi a fare le spese della speculazione e dei tagli al welfare.

Nel quartiere c’è chi resiste: le attività commerciali indipendenti, le librerie, i bar, il Bar Marani, ancora un saldo punto di riferimento per la socialità sanlorenzina, il macellaio, qualche enoteca e vineria di qualità, lo storico locale Rive Gauche sebbene dimezzato, i negozi di alimentari, i casalinghi, i molti artisti, la bottega della ciclofficina lungo le mura per citarne alcuni. Quando chiuderanno le attività storiche di San Lorenzo, quelle che non sopravvivranno alla generazione degli attuali proprietari, quale volto avrà il nuovo? Ancora anonime paninoteche, take away e fast food? Mi colpisce ogni volta l’etichetta sulla porta a vetri del take-away sulla Tiburtina: «Don’t cook, just eat».

Non-luoghi di transizione e di passaggio, da cui prendere soltanto, prendere e portare via, altrove, luoghi adattati al un modello della socialità della movida notturna, quella che invade il quartiere ma non lo vive.

E ancora, tra quelli che resistono, le associazioni, il Grande Cocomero, la palestra popolare, gli spazi occupati sottratti alla speculazione, laboratori di sperimentazione e di produzione culturale dal basso, luoghi di socialità e di confronto, di dibattito e di crescita politica collettiva. La San Lorenzo creativa, la San Lorenzo dei cittadini, dei residenti, la San Lorenzo del Cinema Palazzo (foto), che non solo sopravvive, esiste e resiste, ma che nella contingenza e nella ferita del presente continuamente trova la spinta creativa, re-inventa la città, gli spazi, le pratiche culturali e le lotte sul territorio, una dimensione che si fa costituente, interroga il diritto, creando lo scenario di un cambiamento cercato e condiviso, contro una trasformazione urbana imposta dalla prepotenza dei poteri forti.

Esperimenti e pratiche sul territorio che nulla hanno a che vedere con la vuota conservazione del passato come ideale identitario, ma che anzi sono immerse nel presente e partecipi nella costruzione del futuro. Esperienze territoriali che hanno tutto da insegnare alle vuote promesse e alle false soluzioni attuate dalle amministrazioni cittadine con un indirizzo di non-intervento piegato agli interessi economici di pochi contro quelli di molti. Non si risolvono i problemi del quartiere con le camionette della polizia, con i centri commerciali, con progetti invasivi di speculazione edilizia, con le sale scommesse o i “compro-oro”: piuttosto bisogna partire da un’analisi più profonda, per determinare le scelte amministrative verso la creazione un modello di città basato sulla partecipazione, attraverso nuovi strumenti di democrazia diretta, per la riqualificazione culturale, sociale ed economica del territorio.

Il Nuovo Cinema Palazzo per parlare del futuro del quartiere di San Lorenzo, di autogoverno e costruzione del Comune ha convocato un’assemblea per sabato 16 dal titolo eloquente: «Verso la Libera Repubblica di San Lorenzo». Il 26 febbraio alcuni cittadini di San Lorenzo hanno proclamato l’intenzione di dichiararsi indipendenti, dando così vita alla «Libera Repubblica di San Lorenzo». Una Provocazione? Una Follia? Forse tutto questo ma anche tanto altro, proviamo a costruirla nell’unico modo possibile… Tutti insieme.

 

Fonte: Dinamopress.it

 

La Libera Repubblica di San Lorenzo: sabato 16 marzo

Questa volta non ci caschiamo!

Le cose migliori che sono avvenute in questo quartiere le ha decise e praticate la cittadinanza. Non possiamo permetterci di perdere un altro giro, non possiamo permetterci di accettare ancora false promesse. San Lorenzo non le merita. San Lorenzo ha una storia, un tessuto sociale che parla di autorganizzazione, di solidarietà e partecipazione.

In questi giorni vediamo come si stanno muovendo tutti i partiti (nuovi e vecchi) alla ricerca di consensi; dovremmo avere la capacità di rispondere: questa volta decidiamo noi. Attraversiamo queste elezioni per superarle. Siamo noi cittadini i veri protagonisti dei legami che ci uniscono, siamo noi a tessere le relazioni essenziali alla comunità. […] Dobbiamo avere la capacità di tessere legami tra le battaglie: da quella sulla cultura a quella sugli spazi pubblici, da quella sull’ambiente a quelle sulla sanità e a quelle su un’economia territoriale messa a dura prova dalla crisi. Dobbiamo creare il nostro progetto di autogoverno. Costruiamo insieme la Libera Repubblica di San Lorenzo partendo da quello che siamo. […]

L’evento su facebook.

Sabato 16 marzo alle ore 15,30 al Nuovo Cinema Palazzo
Sono invitati a partecipare cittadini, commercianti, associazioni, realtà sociali, coloro che vivono e amano San Lorenzo. E anche chi in altri quartieri e territori vuole costruire un percorso comune.
salavittorioarrigoni [at] yahoo.it

www.nuovocinemapalazzo.it

Leggi anche:

Una città pubblica diversa

| 12 marzo 2013 |

Movimenti, reti, comitati, associazioni non sono una novità, ma in molte città, a Roma in primis, hanno raggiunto una diffusione enorme. Si occupano di abitare, produzione culturale, orti urbani, mobilità. Sono la strada, non priva di problemi, con la quale i cittadini si autorganizzano

Autorganizzazione e prossimità

| 11 marzo 2013 |

La città negata con le sue pratiche ridefinisce il tema dei beni-comuni

Il governo dei cittadini

| 9 marzo 2013 |

L’autogoverno non nasce in parlamento e meno che mai su un blog

Cambiamo grammatica. Intervista a John Holloway

| 27 gennaio 2013 | 2 Commenti

John_Holloway: un mondo di dignità non si crea a partire dallo Stato

Il nostro diritto alla città

| 7 marzo 2013 | 0 commenti

Cittadinanza e beni comuni: ciclo di incontri al Cinema Palazzo

Don Gallo e Cinema Palazzo: un Casi-No

| 4 marzo 2013 |

A Genova come a Roma: cittadini dicono no alle sale da gioco

La ribellione del «noi»

| 26 febbraio 2013 |

Intorno alla condivisione di un orto oppure di un luogo di lavoro, attraverso il car pooling piuttosto che il baratto, migliaia di persone sperimentano modi diversi per stare in compagnia.

Mi raccomando, non siate prudenti

| 28 dicembre 2012

L’ebook sui teatri ribelli d’Italia. Valle, Palazzo, Macao sono in ottima compagnia

Il vapore continua ad accumularsi

| 12 maggio 2012 |

Un movimento sorge quando molte persone mettono in sintonia le proprie azioni

Roma città ribelle

| 25 ottobre 2012 | 1 Commento

Il Festival della Storia (26/28 ottobre) riunisce intorno al Cinema-Palazzo, collettivi e docenti universitari, circoli di storia, associazioni, editori, singoli cittadini. Scavano nella memoria delle insurrezioni popolari (nella foto, lotta per la casa, 1974)

Guarda in alto: riprenditi la città

| 7 settembre 2012 |

Cucine e palestre popolari, fondazioni, sottoscrizioni possono favorire un’idea diversa di città? Un video-reportage su come alcuni pezzi di Roma, dal centro sociale corto Circuito al Teatro Valle (foto), da Cinecittà al Cinema Palazzo, durante l’estate si riappropriano dei beni comuni

Cinema Palazzo, cantiere possibile

| 5 luglio 2012 |

Quattro giorni di autorecupero e autocostruzione, tra partecipazione e creatività

Azzardopoli? No, tresette popolare

| 7 giugno 2012 |

Per Stato e mafie sono busness. Le città si riempiono di videopoker, slot-machines, casinò, sale Bingo. Migliaia di cittadini ne sono dipendenti. Al Cinema Palazzo invece hanno bloccato il progetto dell’ennesimo casinò e con Elio Germano promuovono il torneo di tresette e briscola

La crisi siamo noi

La crisi del capitalismo è il nostro rifiuto di diventare macchine. Siamo noi i responsabili della crisi di un sistema che distrugge l’umanità. Il capitale non è solo il sistema di sfruttamento in cui viviamo, è una costante aggressione alle persone. Possiamo dire No. Video-intervista a John Holloway

Il Nuovo Cinema Palazzo e il suo corto circuito culturale

| 14 aprile 2012 |

Sabina e Caterina Guzzanti, Elio Germano, Valerio Mastandrea, Andrea Satta hanno festeggiato un anno di occupazione dell’ex cinema di San Lorenzo. Con il Valle, il Teatro di Ostia e altri spazi ha sconvolto la vita culturale di Roma. Storia di un bene comune

Tags:, ,

Nessun commento

Lascia un commento