Le chiavi della scuola

I genitori di una scuola molto interculturale come la Di Donato di piazza Vittorio, a Roma, gestiscono gratuitamente nel pomeriggio alcuni locali e il cortile. La scuola è diventata uno spazio aperto per attività sociali, sportive, culturali, ma anche per il mercatino e il Gas

Anna Becchi

Sono i primi anni del nuovo millennio. Siamo a Roma, all’Esquilino, quartiere vicino alla Stazione Termini, noto per la Piazza Vittorio e il suo mercato, crocevia di genti e di «culture» molteplici. Il quartiere sta vivendo una trasformazione, la popolazione locale, fatta prevalentemente di piccoli commercianti ma anche di operai e impiegati, lascia i locali e le abitazioni a una nuova onda migrante attratta appunto dal mercato e dalla vicinanza alla stazione centrale. Anche la scuola, l’istituto Manin e la sua sede di via Bixio la Federico Di Donato, vedono iscriversi moltissimi bambini di famiglie migranti prevalentemente dall’Asia, ma anche dall’Africa e dal Sud America. Dalla Di Donato le famiglie italiane cominciano ad andare via, alcune si trasferiscono, altre pur vivendo nel quartiere preferiscono iscrivere i figli nelle scuole un po’ più lontane (ma forse più sicure). Un nucleo di famiglie sceglie però di restare, ed è proprio da questo nucleo che parte l’esigenza di far giocare i propri figli il pomeriggio negli spazi della scuola e l’idea di chiedere il permesso al preside. Si inizia con un cineforum, un torneo di calcetto e con i giochi dal mondo in cortile. Il preside non solo accoglie l’esigenza ma rilancia chiedendo a quei genitori di fondare un’associazione e di prendere in consegna i cortili e i seminterrati in disuso della scuola.

Così da dieci anni i cortili e i seminterrati della Di Donato sono diventati la piazza più bella e più vissuta del quartiere, teatro di danze, giochi, tornei ma soprattutto luogo di incontro e spazio di gioco libero e sicuro per centinaia di bambini e genitori. Un laboratorio a cielo aperto, vivace e scomposto di cittadinanza attiva, di partecipazione spontanea e gratuita al «bene comune», di inclusione, di sostegno reciproco, di conciliazione scuola-casa-lavoro ma soprattutto di socialità, convivialità e piacevole condivisione.

Gli spazi vengono gestiti dalle 16,30 alle 22 durante la settimana e tutto il fine settimana da moltissimi genitori volontari e da un numero minimo di genitori e operatori che lavorano qualche ora per garantire l’apertura dei locali e il funzionamento della segreteria, del doposcuola e della ludoteca. Gli spazi vengono accuditi e manutenuti come se fossero la casa di tutti – e forse meglio -, la casa che tutti rispettano e sentono tale. Allo stesso tempo tutti si conoscono e conoscono i figli degli altri, come in una grande famiglia allargata, per questo i bambini sono liberi di girare all’interno di quei mille metri quadri di spazio in totale libertà e sicurezza, senza bisogno di essere controllati continuamente da un adulto. Gli adulti ci sono ma sono impegnati a fare altro e quando serve intervengono, proprio come a casa. E come in tutte le grandi famiglie capita di occuparsi e accudire i figli di altri. I nonni volontari svolgono un ruolo fondamentale per tutti quei bambini italiani ma soprattutto migranti che non vedono o non conoscono i propri nonni.

La partecipazione di ognuno è libera e dettata soltanto dalla voglia di esserci e di contribuire ognuno come e quanto può. Così, proprio grazie al contributo di ognuno, si sono attivate negli anni moltissime attività sportive, culturali, ricreative, sociali. La ludoteca e il doposcuola gratuiti utilizzati da centinaia di bambini che non hanno la possibilità di essere seguiti a casa o i cui genitori lavorano fino a tardi. I corsi di italiano L2, lo sportello di sostegno psicologico, progetti di sostegno individuale a famiglie o ragazzi in difficoltà. Progetti di rivalutazione degli spazi, e un partenariato europeo.

L’apertura dei cancelli ha innescato un circolo virtuoso che ha coinvolto le istituzioni e le associazioni del territorio. Una scuola che dà le sue chiavi a dei genitori è un atto di delega e fiducia non da poco. Municipio, Comune e Provincia in momenti diversi hanno capito, assecondato e aiutato. Ma sono state soprattutto le altre associazioni del territorio a consentire di creare una effettiva rete che in alcuni momenti ha potuto lavorare unitamente su progetti come la messa in sicurezza di diversi attraversamenti, la realizzazione di sport in piazza, o un tavolo di lavoro sui giovani di tutto il territorio per prevenire la dispersione scolastica. Così sono nati per esempio il mercatino, il Gruppo di acquisto soldiale «GasSquilino» e l’orto-urbano di Piazza Fanti, aperti a tutto il territorio.

Oggi che i bambini sono cresciuti e sono usciti dalla scuola che li ha cullati e accompagnati in questo bellissimo percorso per dieci lunghi anni molti chiedono che cosa sarà di questa esperienza e se saranno i nuovi bambini e genitori capaci di continuarla o se lo vorranno fare. Molti si chiedono anche cosa hanno ricevuto quei bambini e quelle bambine, cosa si porteranno dietro, di certo l’apertura mentale e l’abitudine alla condivisione. Molti, infine, si chiedono se questo modello di scuola aperta sia replicabile: chi l’ha promossa e curate dice di sì, e per permettere che altri usufruiscano di questa esperienza, alcuni hanno cominciato a scrivere questa storia.

 

La foto in alto è stata pubblicata nel sito di Shoot4change.net, organizzazione senza scopo di lucro costituita da fotografi, designer, artisti (professionisti e non) che condividono parte del loro tempo per la ripresa di reportage umanitari per Ong e altre organizzazioni sociali.

 

Leggi anche:

Ci vorrebbe una rivoluzione | 12 ottobre 2012 |

La scuola non è un ufficio, è arte, politica, cultura, compagnia, gioia

A cosa serve la scuola? A niente) | 11 febbraio 2013 | 1 Commento

La scuola azienda che produce forza lavoro, per fortuna, è in crisi

Tags:, ,

Iscriviti e seguici

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti.

2 Risposte a “Le chiavi della scuola”

  1. Roberto Medici
    13 febbraio 2013 at 19:54 #

    Una di quelle iniziative per cui diventa apprezzabile vivere a Roma. Oggi ce n’è veramente bisogno ed è molto confortevole constatare che ha funzionato. Complimenti!

  2. pina
    26 marzo 2014 at 08:34 #

    riscalda il cuore sentire che qualcosa di bello e importante ancora si muove, sia pure nell’ombra e nella misconosenza. Sono un’insegnante in pensione ed ho un po’ di tempo libero, amo fare molte cose, dalla lettura allo shiatsu al cucito. Mi piacerebbe dare una mano…

Lascia un commento